Intellettuale di Giustizia e Libertà, staffetta partigiana in Val Germanasca e Val di Susa, fondatrice dei Gruppi di difesa della Donna prima e dell’Udi poi, componente del Consiglio Nazionale dell’Anpi, giornalista di Paese Sera e dell’Unità, collaboratrice importante del Pioniere… Grazie Ada! 

Donne di grande onestà morale e spessore culturale, per molti anni scrisse per il Pioniere pagine importanti sul versante pedagogico, con una filosofia libertaria del tutto oppsta a quella  retorica fascista con cui per vent’anni si erano alimentati i ragazzi italiani. Ancora oggi, riascoltando quei ragionamenti di allora, ne comprendiamo non solo l’importanza storica legata ad una Italia del dopoguerra, ma anche  l’attualità dialettica per un paese che certo non sembra a misura dei giovani.

Ascolta la trasmissione