In occasione del 75esimo anniversario della Liberazione che dovremo celebrare senza la presenza fisica di persone, di compagni e di compagne in piazza, la redazione di Vanloon vi propone una rassegna di fumetti che parlano della nostra Resistenza e delle tante guerre di Liberazione che si sono combattute in Europa per sconfiggere il nazifascismo.

Fumetti sulla Resistenza: una produzione scarsa

La ricerca che abbiamo fatto è stata molto interessante e ci ha dato dei risultati inaspettati: pur essendo un passaggio storico così centrale nella storia del nostro paese e un bacino di storie così ricco, sono stati pochi gli autori e le autrici che si sono confrontati con la Guerra di Liberazione. Solo negli anni Cinquanta abbiamo avuto un vero e proprio boom di fumetti sulla Resistenza, ma si è concentrato essenzialmente nella stampa periodica di sinistra per ragazzi, come nel caso de “Il Pioniere” come ha ben documentato in questi anni Alfredo Pasquali sulle frequenze della nostra radio ed aveva una funzione prevalentemente educativa e propagandistica, come spiegato da Juri Meda in un bell’articolo uscito su Zapruder n°25 del maggio-agosto del 2011, Partigiani con le stellette o patrioti senza divisa? La Resistenza come “secondo Risorgimento” nei fumetti (1945-1965) .

In seguito fumetti ambientati fra il 1943 e il 1945 sono stati pochi non considerando le raccolte di storie brevi uscite in occasioni dei vari anniversari, in cui compaiono anche nomi molto interessanti ma il tono è molto retorico e didascalico.

Per questa rassegna ci siamo concentrati quindi su lavori più consapevoli e meditati che autori e autrici hanno prodotto parlando di lotta al nazifascismo.
Se nelle puntate di Vanloon abbiamo sempre cercato di dare voce ai tanti volti dell’antifascismo che non è stato solo la guerriglia dei partigiani armati in montagna, qui è stata proprio questa immagine canonica della Resistenza ad avere lo spazio maggiore: probabilmente per fumettisti e fumettiste è la dimensione più avventurosa che offre questo immaginario a dare spunti narrativi.

Per tal motivo siamo partiti da Hugo Pratt, il grande autore di Corto Maltese e le sue storie di guerre: Ernie Pike firmato assieme allo sceneggiatore argentino Hector Oesterheld (ristampato da Rizzoli Lizard nel 2020), Gli scorpioni del deserto (Rizzoli Lizard, 2010) e Koinsky racconta.. due o tre cose che so di loro (Lizard, 2004). Pratt ha spesso raccontato l’antifascismo all’interno del più ampio conflitto mondiale e questo ci ha dato lo spunto per parlare di Paco Roca, I solchi del destino (Tunué, 2013) dedicato al battaglione Neuve operativo nella liberazione della Francia.

Per parlare veramente della Resistenza italiana vi abbiamo invece presentato Sergio Staino e Gianni Carino, Il fucile e la rosa. Episodi della Resistenza marchigiana (Comune di Falconara Marittima/Coconino Press, 2005), Roberto Baldazzini, Le quattro stagioni della Resistenza. L’inverno di Diego, (The Box, 2013) e Alberto Pagliaro, I figli della schifosa. Una storia partigiana (BD, 2012). Il racconto delle tante sfumature che ha avuto la guerra fra il 1943 e il 1945 si può trovare nel fumetto a quattro mani L’argine (Becco Giallo, 2016) di Marina Girardi e Rocco Lombardi.

ASCOLTA LA PRESENTAZIONE DI JACOPO FREY: