Tra i provvedimenti più assurdi e ingiusti emessi durante il primo lockdown, ci sono le multe per violazione del coprifuoco emesse nei confronti di chi una casa non ce l’ha, i senza dimora che popolano la nostra e altre città.

A distanza di pochi mesi, finalmente, la Prefettura di Bologna ha accolto la richiesta, avanzata dall’Associazione Avvocato di Strada, di annullamento della sanzione a carico di una persona senza dimora trovato in strada il marzo scorso. E’ il quarto caso del genere e molti altri certamente seguiranno.

Agevolazioni per i senza dimora

Contemporaneamente, Antonio Mumolo che dell’Onlus Avvocato di Strada è il fondatore, in veste di consigliere ha presentato all’Assemblea regionale due interrogazioni a sostegno dei senza fissa dimora: la prima prevede l’attivazione di tariffe super agevolate sugli abbonamenti TPER per garantire a queste persone di raggiungere i luoghi della loro quotidianità (mense, dormitori) senza gravarsi di un fardello destinato a condizionare pesantemente il loro futuro, la seconda di dar loro la risposta più opportuna per la somministrazione del vaccino anti-Covid.

Di seguito link con l’intervista ad Antonio Mumolo.

Articolo precedentePlay list Puntata n. 6 di Domenica 7 Febbraio 2021
Articolo successivoUn tocco di classico / Ambizioni crescenti.