Il 23, 24 e 25 luglio al Pontelungo Summer Festival arriva il “Kanapa Festival“, una tre giorni di conferenze, dibattiti, musica live, workshop, esposizioni e street food su quella che, a tutti gli effetti, è una pianta che potrebbe esserci molto d’aiuto a fronteggiare il momento che stiamo attraversando a causa della pandemia. Una riflessione che in sempre più Paesi del mondo è stata colta, mentre l’Italia sembra abbarbicata in posizioni retrograde.

A Bologna arriva il festival sulla canapa

«Kanapa festival nasce in un momento difficile per l’intero pianeta Terra – scrivono gli organizzatori – In piena “emergenza” Covid19, in piena recessione economica ed in un chiaro periodo storico dove la nostra madre terra ha bisogno di un’inversione di rotta sullo sfruttamento delle stesse risorse che ci rende disponibili, a tempo determinato». Di qui una sorta di senso del dovere nel creare un evento «che posso dare voce a questa magica pianta, amica del pianeta e dell’uomo».
In particolare è noto, ma occorre ribadirlo, il contributo che la canapa potrebbe dare sotto i profili ambientale, sanitario, economico, occupazionale e di lotta alle mafie.

Aspetti che, nella tre giorni, verranno affrontati sul palco dedicato ai dibattiti, dove saranno presenti medici, pazienti, veterinari, avvocati, imprenditori e associazioni nazionali che, per lavoro o per passione, hanno a che fare con la canapa quotidianamente.
Ma ci sarà spazio anche per la musica, in particolare con i concerti di Babaman + Roc Beats aka Dj Shocca (venerdì 23 luglio), Gem Boy (sabato 24 luglio) e Brusco (sabato 25 luglio).

L’acquisto dei ticket per partecipare all’evento è disponibile a questo link.

Articolo precedenteGenova 2001, il riflusso e la sinistra: contro le ricostruzioni distorte
Articolo successivoAuroro Borealo: “Siamo pedine nella vita di Orietta Berti”