Dieci nuovi appartamenti da affittare entro Natale. È la sfida che Piazza Grande lancia ai proprietari bolognesi per trovare, entro l’anno, una sistemazione stabile per 200 senza tetto. Finora 130 le persone che hanno trovato casa grazie all’associazione. Tortelli: “Non tolleriamo bambini in strada”.

Dare un tetto a 200 persone, soprattutto bambini, entro il 2013. È questo l’obiettivo, ambizioso ma possibile, di Piazza Grande, che ieri ha lanciato la sfida ai proprietari bolognesi per trovare entro Natale 10 nuovi appartamenti da affittare.
Partito ad aprile scorso, il progetto dell’Agenzia Sociale dell’Affitto dell’associazione bolognese ha permesso finora a 130 persone di trovare casa. “Il progetto si è reso necessario – spiega il presidente Alessandro Tortelli – perché sempre più famiglie intere finivano in strada. Se noi ormai siamo abituati a vedere adulti che non hanno un tetto, non possiamo tollerare che in strada finiscano bambini”.

Le modalità adottate da Piazza Grande offrono grandi garanzie ai proprietari. L’intestataria dell’affitto è proprio l’associazione, mettendo così al riparo il padrone di casa da possibili morosità. Inoltre ogni settimana un refente di Piazza Grande visita l’appartamento e controlla che tutto sia in regola.
Per contro, al proprietario si chiede di praticare un affitto concordato che comunque (a seconda della metratura) non superi i 700 euro.
Recentemente il Comune ha rifinanziato il progetto e verserà un contributo di 500 euro una tantum a coloro che metteranno a disposizione appartamenti sfitti.

Nel frattempo Palazzo D’Accursio si prepara a presentare il nuovo Piano Freddo, le misure di protezione per chi vive in strada che l’Amministrazione adotterà nei mesi invernali.
Da indiscrezioni uscite in queste ore, sono 246 i posti disponibili, tra dormitori e anche 10 container nell’area dell’ex Lazzaretto.
“È un’offerta molto ampia – commenta Tortelli – Noi però ci auspichiamo che per il futuro non ci sia alcun Piano Freddo, ovvero che vengano messe in campo strategie efficaci che permettano di non avere persone in strada”.