Programma

Sabato 26 ottobre

Ferrara, Torrione San Giovanni – Jazz Club Ferrara, ore 21:30

Dena DeRose & the ERJ Orchestra

“Tribute to Shirley Horn”

Dena DeRose, pianoforte, voce, arrangiamenti;

Roberto Rossi, direzione, trombone;

Davide Ghidoni, Diego Frabetti, Simone Coppellini, trombe;

Giancarlo Giannini, Federico Tassani, Roberto Solimando, tromboni;

Piero Odorici, Barend Middelhoff, Canio Coscia, Matteo Sabattini, Michele Vignali, sassofoni;

Marco Bovi, chitarra; Stefano Senni, contrabbasso; Stefano Paolini, batteria

Domenica 27 ottobre

Bologna, Cantina Bentivoglio, ore 21:30

ZZ International Quartet

Simone Zanchini, fisarmonica; Ratko Zjaca, chitarra elettrica;

Martin Gjaconovski, contrabbasso; Adam Nussbaum, batteria

 

PINO NINFA “JAZZ SPIRIT”

Mostra fotografica – Dal 26 ottobre al 17 novembre

Le fotografie di Pino Ninfa sono sempre in sintonia con la musica che viene rappresentata attraverso la tragicità pittorica della luce. Oltre alla mostra, il noto artista visivi ci arricchirà della sua presenza con un incontro condotto da Giovanni Serrazanetti dal titolo “Suoni e Visioni. Sulle tracce dell’emozione”. Nell’occasione sarà presentato un libro fotografico a tiratura limitata che illustra la poesia e le emozioni dell’autore. Chi vorrà approfondire la particolare tecnica fotografica e la poetica dell’autore potrà partecipare al workshop a numero chiuso.

Inaugurazione 26 ottobre, ore 18:00

I Protagonisti: Dena DeRose & the ERJ Orchestra

La nascita di una band di luogo è sempre un evento, tanto più se si parla di grande organico. Oggi a Bologna, in un nuovo Jazz Club, si celebra questo incontro che indaga nella scrittura del modern jazz all’interno di una big band, tramite un ensemble ricco dei nomi musicali della città.

Regina della serata Dena DeRose, pianista, cantante americana, molto impegnata anche nell’insegnamento. Da solista Ha pubblicato sette album.

Simone Zanchini

Fisarmonicista tra i più interessanti e innovativi del panorama internazionale, la sua ricerca si muove  tra  i  confini  della  musica  contemporanea,  acustica  ed  elettronica,  sperimentazione sonora, contaminazioni extracolte senza dimenticare la tradizione, sfociando così in un personalissimo approccio alla materia improvvisativa. Diplomato con lode in fisarmonica classica al Conservatorio “G.Rossini” di Pesaro, con il maestro Sergio Scappini. Strumentista eclettico, esercita un’intensa attività concertistica con gruppi di svariata estrazione musicale (improvvisazione, musica contemporanea, jazz, classica). Ha suonato nei maggiori festival e rassegne in Italia (Clusone Jazz, Umbria Jazz, Tivoli Jazz, Time in Jazz -Berchidda, Sant’Anna Arresi, Barga Jazz, Mara Jazz, Jazz in’it -Vignola, Ravenna Festival, Rossini Opera Festival, Siena Jazz, Rumori Mediterranei – Roccella Jonica) e nei più importanti festival internazionali (Francia, Austria, Germania, Inghilterra, Olanda, Svezia, Danimarca, Finlandia, Slovenia, Croazia, Macedonia, Spagna, Norvegia, Russia, Tunisia, Libano, India, Venezuela, USA, Giappone). Vanta collaborazioni con molti musicisti di fama internazionale e di differenti estrazioni: Thomas Clausen, Gianluigi Trovesi, Javier Girotto, Marco Tamburini, Massimo Manzi, Tamara Obrovac,  Vasko  Atanasovski,  Paolo  Fresu, Antonello Salis,  Han  Bennink,  Art  Van Damme, Bruno Tommaso, Ettore Fioravanti, Mario Marzi, Michele Rabbia, Andrea Dulbecco, Giovanni Tommaso, Gabriele Mirabassi, Frank Marocco, Bill Evans, Adam Nussbaum, Jim Black, John Patitucci.
Ha collaborato con molti musicisti di fama internazionale provenienti da diversi background musicali come Thomas Clausen, Gianluigi Trovesi, Javier Girotto, Marco Tamburini, Massimo Manzi, Tamara Obrovac, Vasko Atanasovski, Paul Fresu, Antonello Salis, Han Bennink, Art van Damme, Bruno Tommaso , Ettore Fioravanti, Mario Marzi, Andrea Dulbecco, Giovanni Tommaso, Gabriele Mirabassi, Frank Marocco, Bill Evans, Adam Nussbaum e Jim Black. Dal 1999, collabora con i Solisti dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, con questo gruppo ha girato regolarmente.
Oltre alle rappresentazioni musicali e alla ricerca, Zanchini guida anche i laboratori della fisarmonica e l’improvvisazione collettiva.

Pensierini della sera

“Il jazz è la rivolta dell’emozione contro la repressione.”
JOEL AUGUSTUS ROGERS