L’11 settembre 2001 è stato fra gli eventi che hanno cambiato in peggio il mondo in cui viviamo, con conseguenze più che mai evidenti, oggigiorno. Fra i film ispirati da tale tragedia, vi è anche “United 93” (2006) di Paul Greengrass, incentrato come desumibile dal titolo, dalle drammatiche vicissitudini dei passeggeri del volo United Airlines 93, dirottato da alcuni dei terroristi coinvolti nella vicenda.

Autore della colonna sonora, oggetto della puntata in onda giovedì 25 marzo al consueto orario, è il britannico John Powell, nato il 18 settembre 1963 a Londra, con trascorsi nell’ambito del jazz, del rock e del soul, oltre che scrivere musiche per spot pubblicitari, la qual cosa lo porta dapprima nel settore della musica da film, con più di una cinquantina di titoli al suo attivo e successivamente, dal 2014, anche in sala da concerto, con lavori sinfonico-corali.

Sua caratteristica principale è quella di fondere sonorità elettroniche con quelle orchestrali, cosa evidente anche in “United 93”, le cui musiche sono state apprezzate per il loro rigore e la relativa sobrietà, dimostrando l’enorme versatilità del suo autore, capace d’adeguarsi alle più diversificate atmosfere, evitando una fin troppo facile enfasi e mirando soltanto a rendere efficacemente il divenire drammatico della storia, fino al suo inevitabile epilogo, alternando toni rarefatti, passaggi dal sentore quasi minimalistico con impercettibili mutazioni progressive (affidati prevalentemente all’elettronica anche con suoni di voci campionati ed alcuni vocalizzi affidati al figlio Oliver), a slanci melodici a piena orchestra (composta soprattutto di archi, ottoni e percussioni).

Per l’orchestrazione si è avvalso di John A. Coleman e John Ashton Thomas, facendosi coadiuvare da Germaine e Matteo Franco ed il tutto è stato inciso allo Studio n.1 di Abbey Road a Londra, con l’orchestra diretta da Gavin Greenaway, per la Varèse Sarabande.

“Un tocco di classico” va in onda ogni giovedì alle ore 24, in streaming ed in fm 103.1 mhz.

—- Gabriele Evangelista —- 

Articolo precedenteNarrazioni in pandemia diventano podcast
Articolo successivoMercato azionario: conviene ancora investire su Amazon?