Intrighi spionistici nel film di John McTiernan del 1990, “The hunt for Red October” (Caccia ad Ottobre Rosso), tratto dall’omonimo romanzo di Tom Clancy ed ambientato nell’84, ai tempi della guerra fredda. Ad uno sguardo odierno, risulta invero assai curioso che, uno dei personaggi della trama, ovvero un ufficiale sovietico governativo, ucciso all’interno del sommergibile “Ottobre Rosso” dal protagonista principale della vicenda, si chiami Ivan Putin (!), tantopiù che fra i brani della colonna sonora, ce n’è uno intitolato proprio “Putin’s demise”, ovvero “Il decesso di Putin” (!!), ma che strano, anche perchè nell’84 nell’Unione Sovietica c’era ancora Breznev al governo, l’anno dopo arriverà Gorbaciov, al quale, dopo circa un lustro, subentrerà Yeltsin, con la relativa dissoluzione dell’impero sovietico, per almeno gran parte degli anni ’90… All’epoca, l’attuale Vladimir Putin, era ancora un oscuro funzionario del KGB, operante al confine fra le 2 Germanie, almeno fino all’89, credo, ma questa è un’altra storia…

La colonna sonora, che oltre ad un’orchestra sinfonica, impiega con grandissima efficacia sintetizzatori ed un coro maschile (che canta in russo), è stata composta dallo statunitense d’origine greca, Basil Poledouris (1945-2006), per la quale l’anno successivo ha vinto il BMI Film Music Award (l’orchestrazione è di Greig McRitchie).

Questa colonna sonora, oggetto della trasmissione in onda giovedì 29 settembre, viene proposta nell’incisione registrata agli Evergreen Recording Studios a Studio City ed al The Record Plant di Hollywood, in California, con l’orchestra diretta dall’autore, il coro diretto da Richard Bolks e con Michael Boddicher ai sintetizzatori, uscita in disco per la MCA Records, il 12 giugno 1990.

“Un tocco di classico” va in onda ogni giovedì alle ore 24, su Radio Città Fujiko, in streaming ed in fm 103.1 mhz.

—- Gabriele Evangelista —-

Articolo precedenteI Bononia Sound Machine e il loro “Let it BSM” al Dehon il 30 settembre
Articolo successivoInaugura Atelier Sì, con una serata all’insegna dei movimenti dell’anima