Tratto dal romanzo omonimo di Primo Levi, è il racconto del rientro dell’autore in Italia dal lager di Auschwitz. Liberato dall’Armata Rossa, Primo, insieme ad alcuni suoi compagni, intraprende il viaggio di ritorno in un’Europa devastata dagli orrori della guerra. Durante questo lungo viaggio, Primo riscoprirà l’amicizia, l’amore, la gioia di sorridere, la forza di reagire all’orrore subito negli anni di prigionia, l’emozione di vivere.”

Questo ci dicono le note di commento del disco comprendente le musiche, oggetto della trasmissione del 27, per “La tregua”, film del 1996 di Francesco Rosi, con John Turturro, Massimo Ghini, Andy Luotto, Stefano Dionisi, Teco Celio, Roberto Citran e Claudio Bisio.

Titolo non certo tra i più riusciti della filmografia del regista napoletano, poichè a tratti indulge un pò troppo al macchiettistico, si avvale comunque d’una efficace colonna sonora. L’autore, Luis Bacalov, argentino classe 1933, compositore e pianista, ha scritto musica non solo per il cinema, il teatro e la televisione (lavorando con registi come Fellini, Pasolini, Scola, Lattuada, Corbucci, Petri e Radford), ma anche lavori da concerto e sinfonico-corali (Misa Tango). Fra le sue colonne sonore, “La città delle donne”, “Il prezzo del potere”, “Anni ribelli”, “Il postino” ed “Ilona arriva con la pioggia”.

“Un tocco di classico” va in onda ogni giovedì alle 24 in streaming ed in fm 103.1 mhz.

—- Gabriele Evangelista —-