Adozione di un sistema interamente basato sui principi e sulle tecniche del tardoromanticismo europeo, pur con echi ed inquietudini novecenteschi, stravinskiani in particolare, queste le principali caratteristiche dello stile del compositore, direttore d’orchestra e pianista italoamericano Nicolas Oreste Flagello (1928-1994), fratello del celeberrimo basso-baritono Ezio (1931-2009), per il quale scrisse espressamente alcune composizioni.

Tra queste vi è senz’altro la “Passione di Martin Luther King” per basso-baritono, coro, organo ed orchestra del 1968, su 5 testi dello stesso Martin Luther King Jr. (1929-1968) e su altrettanti tratti dalla liturgia latina, brano di prepotente drammaticità in 10 sezioni, la cui versione originale viene trasmessa nella puntata in onda giovedì 12 gennaio. Ampliamento e ristrutturazione d’una precedente composizione sinfonico-corale risalente al ’53, ideata sull’onda emotiva provocata dall’assassinio di King nell’aprile ’68 ed ulteriormente stimolata dal commiato funebre del papa Paolo VI, dona al sogno infranto di King una commossa, intensa partecipazione.

Registrata in studio in Inghilterra l’anno successivo, nessuna casa discografica si mostrò disponibile a pubblicarla, per cui questa incisione restò purtroppo inedita fino ad una decina d’anni fa. La prima esecuzione pubblica assoluta, amputata però delle ultime 2 sezioni e con un nuovo finale basato su un ritorno tematico tratto dalla terza sezione, avvenne nel ’74, al Kennedy Center a Washington DC,  sempre col fratello Ezio come voce solista e con la Cathedral Choral Society e la National Symphony Orchestra, dirette da James DePreist. Questa fu la versione presentata anche nelle successive esecuzioni pubbliche, oltre che essere incisa in disco dallo stesso DePreist nel ’95.

Quella in onda è quindi la versione originale ed integrale, registrata in studio alla Barking Assembly Hall di Londra, l’1 ed il 3 maggio ’69, col basso-baritono Ezio Flagello, gli Ambrosian Singers diretti da John McCarthy, l’organista Leslie Pearson e la London Philarmonic Orchestra diretta dall’autore, uscita in disco per la prima volta nel 2012 per la Naxos Records “Historical”. Un’interpretazione senz’altro d’assoluto riferimento, dall’ottima qualità sonora, per giunta!

“Un tocco di classico” va in onda ogni giovedì alle ore 24, su Radio Città Fujiko, in streaming ed in fm 103.1 mhz.

—- Gabriele Evangelista —-

Articolo precedenteElvin Jones, Mal Waldron, Michael Brecker ospiti d’eccezione a Salt Peanuts
Articolo successivoIl reading di “Ufo 78” di Wu Ming inaugura lo spazio polivalente Nassau