Sir George Dyson (1883-1964), fu il classico compositore anglosassone, che si mosse in seno alla grande tradizione sinfonico-corale instauratasi nel suo paese a cavallo fra il 19° ed il 20° secolo, nel solco dei suoi due illustri maestri, Sir Hubert Parry e Sir Charles Villiers Stanford, adottando perciò uno stile solidamente tardoromantico che lo conferma come loro degnissimo prosecutore, anche se certamente non si può considerarlo un innovatore. Questo però, non gli ha impedito di comporre dei lavori di gran livello, come ben dimostra la sua Sinfonia Corale, basata sul Salmo 107 inerente la cacciata degli ebrei dalle loro terre da parte dei babilonesi, lavoro di notevole impatto drammatico per soprano, mezzosoprano, tenore, baritono, coro ed orchestra, composto nel 1910, in onda nella puntata di giovedì 2 febbraio.

Creata originariamente per sostenere un esame di composizione, durante il periodo in cui il musicista stava studiando ad Oxford, strutturata nei canonici 4 movimenti, questa musica rimase completamente inedita per un secolo abbondante, fintantochè il compositore e studioso Paul Spicer (1952), durante le ricerche intraprese per realizzare una biografia su Dyson, non la rinvenne fra le carte della Bodleian Library di Oxford.

In questa composizione giovanile, Dyson dà una prova efficace della sua capacità, fin da allora, di dominare strutture ampie e complesse, creando atmosfere vividamente efficaci unite ad un uso ingegnoso di particolari armonie nei punti chiave. Con questa opera, il musicista figlio d’un umile fabbro, getta le fondamenta di quello che sarà il suo futuro stile della piena maturità, non immune da influenze di Elgar e Vaughan-Williams.

L’edizione proposta è quella registrata dall’11 al 12 febbraio 2017, al Lighthouse, Poole’s Centre for the Arts di Dorset, in Inghilterra, dal soprano Elizabeth Watts, dal mezzosoprano Caitlin Hulcup, dal tenore Joshua Ellicott, dal baritono Roderick Williams, da The Bach Choir e dalla Bournemouth Symphony Orchestra, diretti da David Hill, disco uscito quello stesso anno per la Naxos Records.

“Un tocco di classico” va in onda ogni giovedì alle ore 24, su Radio Città Fujiko, in streaming ed in fm 103.1 mhz.

—- Gabriele Evangelista —- 

Articolo precedenteSanremo 2023, le anticipazioni che non vi potete perdere
Articolo successivoSka in dialetto Vol. 4