Composto fra il 1974 ed il ’76, su commissione della West Deutsche Rundfunks di Colonia e dedicato a sua moglie, Talia Pecker-Berio, “Coro” per una quarantina di voci ed altrettanti strumentisti, di Luciano Berio (1925-2003), è una vasta composizione in 31 sezioni, della durata di quasi un’ora.

Nella versione iniziale in 29 sezioni, ebbe la sua prima assoluta a Donaueschingen, con i complessi della Radio di Colonia diretti dall’autore, il 24 ottobre ’76. La versione definitiva si ebbe però l’anno successivo a Graz, con i complessi della Radio Austriaca diretti da Leif Segerstam, il 16 novembre.

Dedicata al poeta cileno Pablo Neruda, alterna alle poesie di quest’ultimo dei canti popolari. I testi sono multilingue (inglese, francese, tedesco, spagnolo, italiano e croato), con ciascun elemento del coro seduto accanto ad uno strumentista. L’inizio, suggestivo, è per sola voce femminile accompagnata dal pianoforte, alla quale, a poco a poco, si aggiungono gli altri elementi del coro, a tutto ciò facendo seguito un fragoroso, aspro ingresso di tutto il complesso strumentale.

Questa composizione spettacolare ed espressiva, a dimostrazione che anche usando un linguaggio complesso si riesce a mantenere una grandissima immediatezza comunicativa, oggetto della puntata di giovedì 7 ottobre, viene proposta nell’incisione, tutt’ora di riferimento, diretta dall’autore nell’ottobre del ’79, con i complessi della WDR di Colonia e splendidamente registrata nello studio radiofonico dell’emittente, uscita nell’80 (inizialmente in lp) per la Deutsche Grammophon, ristampata in cd dalla Brilliant Classics.

“Un tocco di classico” va in onda ogni giovedì alle ore 24, in streaming ed in fm 103.1 mhz.

—- Gabriele Evangelista —-

Articolo precedenteInsieme: i luoghi della cultura popolare
Articolo successivoSahel, un crocevia di interessi e disastri su cui prestare attenzione