Il giovane regista Matteo Pasi presenta il suo ultimo lavoro sulla strage alla stazione di Bologna. Nel documentario, proiettato il 30 luglio in piazza Maggiore, interviste esclusive a Licio Gelli e Valerio Fioravanti.

È stato presentato oggi il film “Un solo errore”, documentario sulla strage del 2 agosto 1980, per la regia di Matteo Pasi. Prodotta dall’associazione Pereira, in collaborazione con Cineteca e l’Associazione dei parenti delle vittime, la pellicola sarà presentata al pubblico lunedì prossimo 30 luglio in Piazza Maggiore.

Emozione e ricordo si intrecciano con l’elaborazione razionale della memoria. Filmati inediti, intense interviste a sopravvissuti e parenti delle vittime, nuove testimonianze. Traspare ansia, a tratti depressione, ma anche tanta solidarietà e determinazione. Il film ripercorre la storia dei testimoni, e del passaggio dalla reazione personale alla paura e alla rabbia ad una reazione cosciente e civile, che permise di creare l’Associazione dei parenti.

Il solo errore citato nel titolo fu “quello di fare la strage a Bologna”, come ricorda Lidia Secci, moglie del primo presidente dell’Associazione. Infatti Bologna si mise in moto, e si strinse attorno ai familiari in un abbraccio solidale, a Bologna si creò l’Associazione, e questa strage è stata l’unica per cui si sono scoperti e condannati gli esecutori materiali.

Manca invece ancora il capitolo dei mandanti, che ad oggi rimangono nell’ombra. Tra interviste e analisi è ricostruito chiaramente il quadro di quel tragico giorno, mentre si scopre che molti ragazzi bolognesi sono più o meno ignari di questo capitolo della nostra storia recente. Da qui l’idea del documentario, l’importanza di ricordare per non ripetere.

Daniel Degli Esposti

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61