Saggio

I ragazzi del Conservatorio G.B.Martini si esibiscono presentando i risultati del loro workshop: prima Musiche da West Side Story di Leonard Bernstein con Arrangiamenti degli allievi del Biennio di Tecniche di Composizione e Arrangiamento Jazz e Direzione di Michele Corcella, poi Musiche di Steve Coleman con
Direzione di Piero Bittolo Bon e Fabrizio Puglisi

Who:        BIG BAND DEL CONSERVATORIO “G. B. MARTINI DI BOLOGNA”

What:        SAGGIO IN FORMA DI CONCERTO

When:        Domenica 20 novembre 2016

Where:        Bologna, Oratorio di San Filippo Neri, ore 17:30 e 21:15

Why:            Uno degli aspetti più rilevanti del Bologna Jazz Festival è la volontà di contribuire alla crescita di musicisti jazz nella nostra città.  Per questo ogni anno, in collaborazione con la Fondazione della Banca del Monte e il Conservatorio di Bologna, si costruisce un master dove i ragazzi del G.B. Martini possano essere messi a confronto con grandi personaggi della scena internazionale.

Quest’anno l’illustre maestro sarà Steve Coleman, uno dei maggiori interpreti della attualità jazzistica. Il lavoro maturato in questi giorni di master verrà presentato al pubblico nella seconda parte del tradizionale appuntamento all’Oratorio di San Filippo Neri. Il set sarà preceduto da un’esibizione della BIG BAND DEL CONSERVATORIO “G. B. MARTINI DI BOLOGNA” che si cimenterà sulle musiche di West Side Story di Leonard Bernstein. Un percorso che metterà a confronto contesti assai differenti tra loro, dalle suasioni magiche del musical alla modernità della Mbase Music di Coleman. Va ricordato che anche questa edizione del festival prevede l’assegnazione del premio Mutti ai giovani musicisti che più si sono rivelati meritevoli durante l’intero stage, un riconoscimento che consiste in due borse di studio per partecipare ai corsi internazionali di perfezionamento estivi 2017, realizzati dalla Fondazione Siena Jazz – Accademia Nazionale del Jazz.

Ascolta l’intervista col musicista Piero Bittolo Bon, insegnate allo stage

               ————————————————————————————————————

                per leggere i nostri reportage precedenti dal festival clicca qui 

               —— —————————————————————————————————–

Bologna la Città della Musica
Al Festival Jazz di Bologna e non solo: sotto le due torri sono passati tantissimi protagonisti della musica, dentro e fuori il jazz. Tra i tantissimi artisti che hanno calcato i nostri palcoscenici ricordiamone alcuni.

Misha Mengelberg  Han Bennink Duo:

Sala Bossi, 1987. Radio Città 103 organizza il concerto del duo di improvvisazione più importante d’Europa: il pianista Misha Mengelberg e il batterista Han Bennink.

Figlio d’arte il primo, unisce l’eredità familiare della musica classica ad un tocco monkiano minimalista, una sorta di clown serio a fronte del vulcanico ed istrionico  Han Bennink, percussionista dal suono “antico” alla Baby Dodds. L’elemento teatrale si mischia a quello musicale, e per una sera la Sala Bossi si trasforma in una sorta di tendone circense fatto di mille suoni e ritmi. Ascoltiamo un passaggio di quel concerto.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61