In occasione del live al Teatro Obihall di Firenze Martedi 10 Novembre insieme agli Of Monsters and Men, Afternoon Tunes coglie l’occasione per intervistare la opening band della serata, ovvero gli Islandesi Mammút Sabato 7 Novembre h 16.30.

Gruppo rock islandese, i Mammút nascono nel 2003 sotto il nome di ROK: un trio tutto al femminile incentrato sulle doti vocali di Kata (Katrina Kata Mogensen).

Nel 2004 la band accoglie il chitarrista Arnar Pétursson e il batterista Andri Bjartur Jakobsson, adottando il nuovo nome, Mamuút.
Nel 2004 la band si aggiudica il Músiktilraunir, la battaglia annuale islandese delle band.

La loro popolarità cresce sempre più in Islanda e diventa ben presto internazionale.
Il loro omonimo album di debutto viene pubblicato nel 2006 per l’etichetta islandese Smekkleysa fondata da The Sugarcubes.

Nel 2008 pubblicano Karkari: l’album contiene il singolo Svefnsýkt che diventa il primo grande successo della band e che fa guadagnare loro la nomina
di Best Band ai Music Awards islandesi del 2008.

Per il loro decimo anniversario, nel 2014, i Mammút pubblicano Komdu til mín svarta systir: l’album ottiene in brevissimo tempo il plauso della critica e si aggiudica otto nomination ai Music Awards islandesi del 2014, portandosi a casa ben tre riconoscimenti:
Album of the Year – Pop & Rock, Song of the Year – Pop & Rock (per il loro singolo Salt), e Cover Album of the Year.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61