Mercoledì 29 marzo si terrà “Una città che ci fa vivere molteplici vite”, l’evento finale di presentazione del percorso Ascoltare, leggere, cambiare. Il percorso – realizzato insieme a Kilowatt e co-finanziato dall’Unione europea – consiste in un progetto di pianificazione strategica e valutazione di impatto delle biblioteche e della rete del Patto per la Lettura di Bologna e un’indagine etnografica sulla lettura. L’incontro avrà luogo presso la Biblioteca dell’Archiginnasio (Sala dello Stabat Mater) dalle 17.00 in poi e vedrà la partecipazione di Elena Di Gioia, Veronica Ceruti, Gaspare Caliri, Andrea Zanni e Pierluigi Sacco.

Le biblioteche come veicolo di molteplicità

Il Settore Biblioteche e Welfare Culturale del Comune di Bologna insieme alla rete del Patto per la Lettura di Bologna ha avviato un nuovo progetto suddiviso in due azioni: da un lato la pianificazione delle strategie di lavoro del settore delle biblioteche, dall’altro lato un focus sulla rete del Patto per la Lettura del Comune di Bologna, la rete che aggrega tutti i soggetti che fanno promozione per la lettura. Come ci racconta Gaspare Caliri, co-fondatore di Kilowatt: «per fare questo lavoro di pianificazione e valutazione del cambiamento positivo delle biblioteche sulla città siamo partiti da una domanda: come può essere una città che impara a funzionare allo stesso modo della lettura?». È proprio da questa riflessione che nasce il titolo dell’evento “Una città che ci fa vivere molteplici vite”. Il titolo infatti è legato al momento di attenzione dato dalla lettura, un momento in cui siamo attraversati da molteplici voci, punti di vista e soggettività altrui. L’intento del progetto è quello di «promuovere l’idea di una città che conta alla propria cittadinanza come potenzialità del molteplice, come persone che possono vivere diverse identità ed esplorare l’altro».

Nell’occasione di mercoledì sarà presentato l’esito di un lungo percorso di indagine etnografica sulla lettura e della valutazione di impatto delle biblioteche. Le due azioni sono due momenti diversi di un percorso integrato, che vuole costituire nuove politiche per creare cambiamenti duraturi anche rispetto a inclusione sociale, accessibilità e fruizione culturale. Come ci spiega ulteriormente Gaspare Caliri: «durante l’evento verranno presentati i risultati di un questionario che ha posto alla cittadinanza domande importanti riguardo alla lettura e a come attivare l’attenzione necessaria oggi per leggere». Saranno presenti diversi ospiti: Elena Di Gioia (Delegata alla Cultura di Bologna) e Veronica Ceruti (Direttrice del Settore Biblioteche e Welfar Culturale) che introdurranno il percorso; Gaspare Caliri e i colleghi di Kilowatt che presenteranno le diverse fasi del progetto; Andrea Zanni (bibliotecario digitale MLOL) che racconterà dei dati collegati alla lettura e Pierluigi Sacco (professore di Politica economica) che esplorerà la relazione tra economia della cultura ed economia comportamentale legata all’attenzione.

Per partecipare all’evento è possibile prenotare gratuitamente qui.

ASCOLTA L’INTERVISTA A GASPARE CALIRI:

Articolo precedenteAddio a Gianni Minà, dall’America Latina a San Giorgio di Piano
Articolo successivoLa Regione Emilia-Romagna spinge per il congedo mestruale