Il Gruppo di Lettura San Vitale presenta “Un bel dì vedremo”, uno spettacolo che unisce teatro di prosa, canto lirico e musica popolare. Una lite fra un direttore d’orchestra e una soprano provoca l’allontanamento della donna dal teatro, l’unico ambiente che conosce. Dopo un paio d’ore in giro per le strade di Bologna ritrova lo scenografo e il musicista, che la ospitano in un angolo di portico, offrendole il tepore di una grande coperta. La donna canterà, essendo venuta dalla Russia per studiare a Bologna, incoraggiata dai senzatetto e accompagnata da una chitarra e una fisarmonica.

Una cantante in cerca di libertà fra i vicoli di Bologna

Infine, mentre sta sorgendo il sole, si allontanerà accompagnata dal musicista. “Perché piangi?” “Piango di speranza”. Spaziando tra l’addio del passato dalla “Traviata” di Verdi, e “Un bel dì vedremo” dalla Butterfly di Puccini, è uno spettacolo in cui convivono povertà e bellezza, il coraggio di lasciare l’ambiguità per ritrovare l’arte e la scoperta del mondo. Il 7 giugno alle ore 21 nel cortile del Piccolo Teatro del Baraccano.Con Diana Volkova e Marco Soccol, musica di Umberto Cavalli, testo di Marco Soccol e Maria Rosa Damiani. La prenotazione al 339.2048416 è obbligatoria, così come la mascherina.

Teatro Bologna: il gruppo di lettura San Vitale

Il Gruppo di Lettura San Vitale è nato nel marzo del 1997 per iniziativa di alcune donne provenienti da diverse esperienze teatrali, politiche e sociali, che si sono impegnate a promuovere il dialogo sui temi riguardanti la cultura e la riflessione delle donne attraverso letture pubbliche, spettacoli e dibattiti. 

Successivamente il gruppo si è allargato ed ora è composto da varie identità con esperienza nell’ambito teatrale che condividono l’impegno e le finalità del gruppo.

LO SPETTACOLO SI TERRÀ ALL’INTERNO DEL TEATRO DEL BARACCANO IN CASO DI MALTEMPO

Articolo precedentePer i 50 e 40enni la Regione Emilia-Romagna inaugura la “vaccinazione integrata”
Articolo successivoPalestina, portuali e attivisti sono gli ultimi difensori dei diritti umani