Dopo mesi di silenzio, in cui il settore culturale è rimasto fermo a causa della pandemia globale, la musica ha l’occasione di tornare protagonista. Il 18 e il 19 marzo tornano sul palco i live club targati Arci dell’Emilia Romagna con l’attesissimo festival in streaming: il Suner Festival. In queste due giornate potremo ritornare a goderci la musica dal vivo, grazie alla partecipazione dei numerosi ospiti che si esibiranno su questo palco virtuale. 13 band, 13 residenze, 37 circoli Arci, più di 40 palchi coinvolti per un unico grande progetto musicale. Il Festival sarà presentato da Claudio Succi e Lucrezia Giulia Barzaghi, speaker e capo redattrice di Radio Città Fujiko.  Oltre al merito di condurre questo festival, la radio sarà Media Partner. Sarà inoltre possibile ascoltare sui 103.1 fm la diretta in differita dalle ore 21 del 18 e 19 marzo.

Gli ospiti del Suner Festival ai microfoni di Fujiko Factory

Questa settimana, in occasione del Suner Festival, noi di Fujiko Factory raccoglieremo le interviste degli artisti che parteciperanno all’evento. (Qui troverete per la prima e la seconda puntata di Fujiko Factory dedicate al Suner Festival). In questa nuova puntata ci hanno tenuto compagnia la band emiliana Tugo e Alessandro Baronciani, il quale è stato intervistato da Rachele Copparoni, capo redattrice della sezione culturale.

Giorni” Ep è il primo lavoro autoprodotto della band emiliana Tugo, nata nel 2018 dalle ceneri di un’altra band. Dal punto di vista musicale fondamentale è stata la voglia di continuare a suonare insieme trascinati da un’onda nuova, di ripartire da zero e di rimettersi in gioco. Il marchio di fabbrica della band è proprio quello di non averne uno, di non imporsi un genere o una modalità, di lavorare il più possibile in maniera istintiva, componendo i pezzi sulle jam che nascono in sala da una melodia abbozzata, un beat di batteria o una sequenza di accordi. L’intero Ep è impregnato di questa spontaneità, di un amore per la musica che sfocia quasi in gelosia, al punto di aver deciso di produrre, registrare, mixare e masterizzare tutti i brani in totale autonomia, liberi logiche costruite e artefatte.

TRACKLIST

  1. Giorni
  2. Mani
  3. Nessuno vuole bene al bassista
  4. Dottore

ASCOLTA L’INTERVISTA AD ANDREA DEI TUGO:

La graphic novel cult dell’illustratore Alessandro Baronciani diventa un concerto a fumetti. Il progetto curato da Alessandro Baronciani e Corrado Nuccini (Giardini di Mirò), vedrà sul palco anche Daniele Rossi al violoncello e avrà come voci Ilaria Formisano (GOMMA) e HER SKIN. Quando tutto diventò blu (BAO Publishing) è la storia di Chiara, che ama il mare e le immersioni ma un giorno si sente come soffocare sott’acqua. Chiara ha paura di tante cose, ma soprattutto di ammettere di avere un problema. Desidera fortemente che qualcuno dia un nome alla sua malattia per non dover ammettere di avere paura della paura. Alessandro Baronciani è fumettista, illustratore, art director, grafico e musicista. Nato a Pesaro, ma milanese d’adozione. Ha pubblicato Una storia a fumetti (Black Velvet) raccolta delle sue prime autoproduzioni scritte e spedite per posta, e poi Quando tutto diventò blu e Le ragazze nello studio di Munari, entrambi ristampati da BAO Publishing in edizione “rimasterizzata”.

ASCOLTA L’INTERVISTA AD ALESSANDRO BARONCIANI:

Articolo precedenteFusaro “Nelle mie canzoni parlo di famiglia e ricordi”
Articolo successivoLeggere non ha effetti collaterali: i consigli della settimana