La Cgil proclama lo stato di agitazione dei dipendenti del servizio Assistenti di Linea, già gestito da Coopertone, per il mancato rispetto di retribuzioni e buoni pasto sanciti dall’accordo del 16 maggio. Previsto lo sciopero degli straordinari.

Non c’è pace per i lavoratori ex Coopertone. Dopo il fallimento della cooperativa che gestiva alcuni servizi di Tper, cui sono subentrate nuove società, ora i dipendenti riassorbiti da Euroservizi Group denunciano il mancato rispetto dei patti sindacali.
“Il 16 maggio – racconta il delegato della Filcams Cgil Andrea Carrà – abbiamo firmato con la proprietà un accordo che, tra le altre cose, prevedeva l’impegno a riconoscere una retribuzione non inferiore a quella percepita con Coopertone e il riconoscimento dei buon pasto. Al primo stipendio, però, ci siamo accorti che i patti non sono stati rispettati”.

La Filcams, dunque, ha proclamato lo stato di agitazione che prevede un pacchetto di 16 ore di sciopero non calendarizzate e il blocco di ogni prestazione straordinaria.
“Qualche effetto sui servizi ci sarà – osserva Carrà – dal momento che gli assistenti di linea sono coloro che vanno a soccorrere i mezzi di Tper fermi per guasto”. Il sindacato, però, si impegna a non effettuare le ore di sciopero fino all’8 luglio, giorno in cui è convocato un incontro tra proprietà e parti sociali.

Intanto l’umore dei dipendenti è nero, come spiega il delegato Filcams: “Se alla prima occasione Euroservizi disattende gli accordi presi, è comprensibile che i lavoratori siano preoccupati ed imbufaliti. Per quanto la vicenda Coopertone sia stata difficile, la cooperativa ha sempre rispettato gli accordi presi”.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61