Apertura della seconda parte della stagione, si chiudono i festeggiamenti, apprestandosi a guardare oltre… Scopriamo tutti i dettagli insieme al direttore artistico Francesco Bettini: ascolta l’intervista in fondo all’articolo e guarda il video della conferenza stampa.

Nella bellissima città estense, a ridosso delle mura, troviamo un edificio storico, il bastione rinascimentale detto il Torrione di San Giovanni: dal 1999 questo suggestivo edificio è sede del Jazz Club di Ferrara.

Oltre a una location speciale, da quindici anni si può ascoltare, vedere e …assaporare grande musica Jazz.

Realtà affermata, vivace e raffinata del panorama Jazz in Europa, Il Torrione si avvia ad aprire una seconda parte di Ferrara in Jazz 2013-2014, ovviamente con la classe al quale ha abituato i palati più fini della musica, ma aggiungendo grandi novità. Dopo la co-produzione con il Bologna Jazz Festival, da poco concluso, si conferma la collaborazione con Ferrara Musica e Crossroads – Jazz e altro in Emilia Romagna,  più gli incontri e le iniziative con docenti e allievi dei Dipartimenti Jazz del Conservatorio “G. Frescobaldi” di Ferrara e del Conservatorio “F. Venezze” di Rovigo.

La programmazione va dal 18 Gennaio al 24 Aprile 2014, iniziamo citando grandi nomi di casa nostra: Gianluca Petrella (15 febbraio), Enrico Rava (15 febbraio e 19 aprile), Fabrizio Bosso (24 aprile) , Roberto Gatto (1 marzo) solo per dirne alcuni, poi da Oltreoceano: Wayne Escoffery (18 gennaio), John Taylor (8 febbraio), Ray Mantilla (8 marzo), Ralph Alessi (22 marzo), Drew Grass (5 aprile), più tanti altri.

Insomma una suggestiva location, nomi d’eccellenza, ma altre sorprese ad esempio: ai concerti principali del sabato si affiancheranno i lunedì di Happy Go Lucky Local, con ingresso a offerta libera, per i soci Endas, l’appuntamento del lunedì sarà reso ancora più accogliente da un ricco aperitivo.

Il Venerdì invece, parafrasando Cannonball Adderly, sarà serata Somethin’ else, serate a tema alla scoperta di suoni e… sapori dal mondo, proposte eno-gastronomiche accompagnate da un ascolto guidato, con reading, pièce teatrali e presentazioni di saggi.

La grande musica in una meravigliosa città, appuntamenti che non dimenticheremo di citare, visto la raffinatezza e il gusto, per la grande musica e per vivere una delle città più belle mondo. Buon Jazz in Ferrara a tutte e a tutti….

Grazie infinite.                                                                                                             William Piana

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”