Al via quest’oggi la VI edizione de “La Violenza Illustrata”, il Festival organizzato dalla Casa delle Donne di Bologna. È il primo e unico festival a livello nazionale centrato sulla tematica della violenza di genere.

Giunge al sesto anno “La violenza illustrata”, il festival bolognese dedicato allo spinoso tema della violenza sulle donne.
La Casa delle Donne di Bologna dal 2006 concretizza questo appuntamento annuale ideato da Chiara Cretella, Elena De Concini, Anna Pramstrahler che ha come obietivo quello di sensibilizzare il maggior numero di persone sul tema della violenza di genere, al fine di creare un cambiamento e prevenire ogni forma di violenza.

L’evento si svolge volutamente alla soglia di una data importante, quella del 25 Novembre, quando si celebrerà la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 17 Novembre 1999.
La Violenza illustrata nasce proprio dall’esigenza di celebrare la giornata del 25 Novembre attraverso l’organizzazione di dibattiti, manifestazioni e tutto ciò che politicamente e culturalmente possa dare rilievo all’evento e contribuire a sensibilizzare il maggior numero di persone, fungendo da catalizzatore e promotore di tutte le iniziative a riguardo presenti sul territorio.

La sesta edizione del festival porta il significativo titolo “Limite di sopportazione“, il confine che molte donne superano quando sono coinvolte in rapporti caratterizzati da sopraffazione, umiliazione, violenza e discriminazione. Questo è il limite che la Casa delle Donne vuole rendere pubblico, affinchè questa guerra silenziosa che continua a mietere vittime sia sotto gli occhi di tutti. Il festival quest’anno è particolarmente articolato e ricco di collaborazioni con associazioni ed enti non solo territoriali, in grado di fornire un’offerta formativa e culturale multidisciplinare, allo stesso tempo specialistica ma anche divulgativa, sul tema della violenza di genere.

Federica Di Dio

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”