Sotto le Due Torri, il festival europeo propone alternative alla gestione della crisi economica e delle politiche migratorie.

Torna a Bologna, fino al 10 maggio, la terza edizione del Traseuropa festival, festival internazionale di cultura, arte e politica che coinvolgerà ben 14 città europee. Il festival prenderà il via con la camminata alla Bolognina, quartiere simbolo di una città plurale, segnata dalla mobilità di culture differenti.

Nell’ambito della campagna di mobilitazione, lasciateci entrare, per l’accesso dei giornalisti in queste strutture si terrà il dibattito sulle alternative ai Cie. Fra i temi caldi la crisi economica, letta come punto di svolta per ripensare il modello di sviluppo dell’Unione Europea, esplorando il ruolo dei beni comuni.

Angelica Erta

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61