Sull’altra sponda dell’Adriatico, quello paradisiaco ed incontaminato, per il secondo anno si svolge una manifestazione musicale che meriterebbe di attraversare il mare a nuoto pur di farvi visita.

Dopo la prima versione del 2011 che ospitava i The National, Nouvelle Vague, Mogwai, The Fall, La Roux, Ravenottes e tanti altri, quest’anno il TERRANEO FESTIVAL, nella regione croata della Dalmazia, si ripete con una line up che farà impazzire tutti gli amanti dell’elettronica: si va da un’influenza chill-out, contaminata dal reggae, alla dub, dall’acid jazz, al bossa nova… un mood che prevede non solo una sosta di 4 giorni su una spiaggia da sogno, ma che accompagna fra l’altro i numerosi work-shop, le zone letture, le esposizioni, le performances che questo festival offre ogni giorno!! Ovviamente il tutto nelle regole dell’ecosostenibilità!

Il TERRANEO FESTIVAL si trova esattamente a Šibenik, in una zona militare in disuso in riva al mare, che durante il festival si trasforma in un’affolattissima piccola città con un’atmosfera calda ed
intima.
Terra, Acqua e Aria si chiamano i palchi principali, che ospiteranno più di 120 musicisti tra cui
The Roots, Groove Armada, Thievery Corporation, The XX, Bud Spancer Blues Explosion, Tune Yards, Parov Stelar, Band, The Ting Things, Aeroplane, Dum Funk, Stephen Malkmus and the Jiks, Digitalism, Anna Calvi.

Con una capacità di 4000 persone ed un camping veramente economico aperto da lunedì 6 agosto a sabato 11 (26 € in tutto), se siete in zona non potete davvero mancare!

I concerti si terranno dal 7 al 10 agosto compresi, con live che iniziano al pomeriggio e finiscono a
notte fonda! Lo spirito di questo festival vi porterà in una dimensione parallela in cui solo buone vibrazioni avranno posto.
E se purtroppo la crisi vi ferma a casa.. Terraneo pensa anche a questo! Ci sono le azioni di lavoro volontario in cambio del gustoso momento, in una location che fra l’altro quest’anno ha vinto il “dm
green city project” Grand Prix.
Il sito internet è molto esaustivo e potrete trovare tutte le info che vi servono.
Uno scenario musicale e scenografico che darà vita a unamanifestazione più spettacolare e coinvolgente.

Nadia Garvina

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61