Nell prossimo week end pedonalizzato la città verrà animata da turismo responsabile, Slow Food e commercio equo.

Tre le realtà che durante il prossimo weekend,coopereranno per animare e riempire di contenuti responsabili,slow ma anche equo-solidali i palazzi storici del centro di Bologna. Si tratta di “Slow Food Day”, ”Terra Equa” e “Itacà”: tre eventi sinergici e complementari che diffondono valori e idee comuni e che insieme promuovono un centro pedonale libero dai mezzi a motore e aperto ai cittadini, ma che invita ad un uso consapevole dello spazio urbano.

Si inizierà sabato mattina alle 9 con Slow Food Day, un lungo tappeto rosso porterà dall’ingresso di Palazzo D’Accursio ad esplorare la filosofia per un cibo buono pulito e giusto dove per buono si intende il piacere derivante dalle qualità organolettiche, pulito ossia prodotto nel rispetto degli ecosistemi e dell’ambiente e giusto perchè conforme ai concetti di giustizia sociale negli ambienti sia di produzione che di commercializzazione. Un percorso dunque sensoriale, per condurre all’interno dell’iniziativa “Il mercato della Terra” dove saranno presenti per l’occasione 30 produttori del territorio con i prodotti stagionali a chilometro zero, cibi e vini buoni per il palato. Inoltre un punto d’animazione sarà dedicato ai bambini: dalle 18 alle 20 un Aperijazz con L’Ensemble jazz trio concluderà la giornata.

Sempre sabato alle ore 10 a Palazzo Re Enzo parte Terra Equa, la prima Fiera regionale del Commercio Equo emiliano-romagnolo e dell’Economia Solidale che con 35 stand, 16 laboratori, 3 convegni e 3 spettacoli dedicherà due giorni con chiusura domenica 27 alle 19, alla presentazione dell’economia solidale. Terra Equa sarà inaugurata con il Convegno “Equonomia!Le proposte dell’economia solidale per uscire dalla crisi”che si svolgerà a Cappella Farnese in Palazzo d’Accursio sabato 26 alle ore 9.30 cui parteciperanno esperti nazionali e l’Assessore comunale alle Relazioni Internazionali Matteo Lepore.

L’ultimo appuntamento del progetto vede passare dall’economia responsabile al turismo responsabile con il Festival del Turismo Responsabile Itacà che partirà sabato alle 10.15 da Piazza Re Enzo con un giro in bici tra le “città invisibili” per continuare alle 16 con “Viaggio da Paura”, un incontro presso la Sala anziani di Palazzo d’Accursio volto ad esplorare i diritti e i rovesci dell’avventura migrante; domenica alle ore 21 il festival sarà in Piazza San Francesco con una serata di cinema all’aperto. Il viaggio di Itacà avrà la durata di 9 giorni e approderà il 3 giugno con un ritorno in Piazza Re Enzo e Palazzo d’Accursio per una giornata di festa finale!. Le 4 tematiche principali di quest’ultimo festival sono: turismo scolastico, political tourism,  sostenibilità e marketing territoriale, viaggio migrante

Sara Caputo

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61