Band nord irlandese, gli Ash sono un gruppo alternative rock con influenze pop punk e indie pop originario di Downpatrick. A 25 anni di distanza dal loro debutto esce Teenage Wildlife: 25 Years of Ash, triplo album contenente inediti, vecchie glorie e tante sorprese.

Chi sono gli Ash?

Formatisi nel 1992 con il nome di Vietnam, gli Ash sono una rockband irlandese composta da Tim Wheeler (voce, chitarra e autore di quasi tutti i brani), Mark Hamilton (basso), Rick McMurray (batteria) a cui nel 1997 si aggiunse la chitarrista Charlotte Hatherley, che ha lasciato il gruppo il 20 gennaio 2006.

Tim Wheeler e il bassista Mark Hamilton si conoscono all’età di 10 anni e suonano in una band chiamata Vietnam che si ispira agli Iron Maiden. Ma le cose non vanno per il meglio e i due decidono di formarne un gruppo tutto loro, così arruolano il batterista Rick McMurray e decidono che il nome della band sarà la prima parola breve che si trova sul dizionario. I tre iniziano subito a scrivere tante canzoni e i loro live sono immediatamente molto apprezzati a livello locale, ma purtroppo ci sono un po’ di difficoltà nel far sentire i demo a qualcuno che possa finanziare la realizzazione di un disco in studio. Finchè una piccola etichetta di Londra dà loro credito e riesce a far ascoltare la musica degli Ash a personalità influenti come Steve Lamaq e John Peel, che mostrano di gradire. A quel punto, la firma per la Infectious Records è una conseguenza naturale e nell’ottobre del 1994 arriva il mini-album Trailer.

I 25 anni di carriera degli Ash sono iniziati nel 1994 con l’uscita del mini-album “Trailer”, un disco che suona grezzo e imperfetto, con la chitarra sempre ruvida e il basso molto spesso in evidenza per dare più corpo più che per svolgere il proprio ruolo all’interno della sezione ritmica, un connubio che talvolta copre un po’ troppo la voce e persino la batteria. Tralier è il classico lavoro che convoglia la carica giovanile nel modo giusto, mettendo in evidenza freschezza e attitudine, grazie anche a un impianto melodico già ispirato, capace di risultare di facile ascolto pur se non troppo immediato.

Ma il vero successo è arrivato due anni più tardi con 1977, il balzo in vetta alle classifiche britanniche e le esibizioni da headliner nei più importanti festival mondiali tra cui Glastonbury e Reading. In 1977 sono contenuti alcuni dei brani più amati degli Ash, tra cui “Girls From Mars”, “Goldfinger”, “Kung Fu” e “Oh Yeah”.

25 Years of Ash

Pubblicato da The Echo Label e uscito il 14 febbraio, Teenage Wildlife: 25 Years of Ash è un triplo album in cui sono raccolte la maggior parte dei brani più famosi e ascoltati della band. Il disco sarà disponibile, in quantità limitata, anche in una speciale versione con copertina lenticolare, sia in formato CD che vinile. Teenage Wildlife sarà un percorso lungo l’intera carriera degli Ash, dagli esordi con Jack Names The Planets fino ai brani più recenti come Buzzkill del 2018, dall’inedito Darkest Hour Of The Night ai tredici singoli entrati nella Top 40 tra cui Girl From Mars, Goldfinger, Oh Yeah e tanti altri.

Ai nostri microfoni Ricky, il batterista, ci ha raccontato dei loro progetti per il futuro, lasciandosi scapparre anche una piccola riflessione sulla questione Brexit: “Siamo una band tanto europea quanto britannica, quindi continueremo semplicemente a fare quello che abbiamo sempre fatto.”

Il disco sarà disponibile, in quantità limitata, anche in una speciale versione con copertina lenticolare, sia in formato CD che vinile. Teenage Wildlife sarà un percorso lungo l’intera carriera degli Ash, dagli esordi con Jack Names The Planets fino ai brani più recenti come Buzzkill del 2018, dall’inedito Darkest Hour Of The Night ai tredici singoli entrati nella Top 40 tra cui Girl From Mars, Goldfinger, Oh Yeah e tanti altri.

Nella lenticular limited edition in formato CD sarà presente un terzo disco di 19 tracce, una collezione di rarità che includerà anche la cover dei Buzzcocks Everybody’s Happy Nowadays featuring Chris Martin dei Coldplay.

La release di “Teenage Wildlife: 25 Years Of Ash” sarà seguita da un tour europeo durante il quale gli Ash torneranno sui palchi che li hanno già visti protagonisti nel corso della loro carriera anche se l’unica data italiana è in programma per sabato 29 febbraio 2020 al Covo Club di Bologna.

Tracklist del triplo Cd:

CD 1: 1. A Life Less Ordinary 2. Arcadia 3. Darkest Hour Of The Night 5. Kung Fu 6. Cocoon 7. You Can’t Have It All 8. Girl From Mars 9. All That I Have Left 10. Wildsurf 11. Binary 12. Uncle Pat 13. Shining Light 14. Starcrossed 15. Buzzkill 16. Return Of White Rabbit 17. Goldfinger 18. Envy 19. Sometimes 20. Coming Around Again

CD 2: 1. Burn Baby Burn 2. Dare To Dream 3. Annabel 4. Clones 5. Machinery 6. Oh Yeah 7. Projects 8. Confessions In The Pool 9. True Love 1980 10. Angel Interceptor 11. Jesus Says 12. Petrol 13. End Of The World 14. Orpheus 15. Walking Barefoot 16. Jack Names The Planets 18. Twilight Of The Innocents

CD 3: 1. Here Comes The Music 2. Spellbound 3. Teenage Wildlife 4. I Shall Not Die 5. Skullful Of Sulphur
6. Teenage Kicks 7. T.Rex 8. Waterfall 9. Saskia 10. Seventh Circle 11. Everybody’s Happy Nowadays 12. Chinese New Year 13. Wasted On You 14. Comet Tempel 1 15. Heroin, Vodka, White Noise 16. New Tattoo 17. When I’m Tired 18. Tinseltown

ASCOLTA L’INTERVISTA AGLI ASH: