In molte città spagnole ha preso vita sabato la manifestazione della Pah, una piattaforma nazionale che riunisce tutte le vittime degli sfratti e delle ipoteche.

In oltre 50 città differenti della Spagna la manifestazione ha preso vita. Un tema, quello della casa, che sempre più sta diventando drammatico, la cui conseguenza più grave è stato il suicidio di 20 persone negli ultimi mesi.

La Pah (Plataforma Afectados por la Hipoteca) ha deciso di dare vita a un’iniziativa di legge popolare, presentata martedì scorso con l’appoggio di oltre un milione e quattrocentomila firme a favore. Verrà discussa in parlamento nei prossimi giorni.

Sono oltre 500 gli sfratti al giorno, tra impossibilità di pagare l’affitto ma soprattutto di stare al passo con  i mutui stipulati con le banche. Gli istituti bancari, per anni, quelli della bolla immobiliare di inizio millennio, hanno promesso contratti convenienti, poi caduti uno dopo l’altro come birilli allo scoppiare della devastante crisi economica, occupazionale e sociale che sta investendo la Spagna.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61