SMALLET JAZZ CLUB MODENA: nel locale modenese uno dei più impressionanti solisti parkeriani

WATSON-POZZA DUO

Bobby Watson sax alto; Andrea Pozza pianoforte, ore 21:30 Smallet Jazz Club Modena

CINEMA ITALIA

Rosario Giuliani sassofoni; Luciano Biondini fisarmonica; Enzo Pietropaoli contrabbasso; ore 21.30 Teatro Biagi D’Antona, Castel Maggiore

BOLOGNA JAZZ COLLECTIVE

Jack Calico direzione artistica; Federico Eterno, Marco Vecchio, Canio Coscia, Gaetano Santoro, Daniele D’Alessandro ance; Roberto Solimando, Gabriele Polimeni, Andrea Giovannitti, Giuseppe Lastella ottoni; Ugo Moroni, Biagio Marino chitarra; Irene Giuliani pianoforte e voce; Daniele Marrone basso; Dario Rossi batteria, ore 22 Binario69 Bologna

protagonisti: Bobby Watson, Cinema Italia

Bobby Watson è un sassofonista, compositore, arrangiatore ed educatore, Bobby Watson è cresciuto a Kansas City. Si è formato formalmente all’Università di Miami, una scuola con un programma jazz distinto e rispettato. Dopo la laurea, ha continuato a guadagnare il suo “dottorato” – sul palco – come direttore musicale di Jazz Messengers di Art Blakey. Il gruppo, creato nel 1955 dal defunto leggendario batterista deceduto nel 1990, presentava un cast di musicisti rotanti, molti dei quali, come Watson, avrebbero continuato a fare carriera come bandleader a pieno titolo. I Jazz Messengers – spesso definiti “l’Università di Blakey” – sono stati la migliore “scuola di specializzazione” per giovani ambiziosi giocatori. Dopo aver completato un incarico di quattro anni per Jazz Messengers (1977-1981) che includeva più di una dozzina di registrazioni – la maggior parte dei grandi Jazz Messenger, il talentuoso Watson divenne un musicista molto ricercato, lavorando lungo la strada con un pot-pourri di artisti notevoli – colleghi, statisti e colleghi più anziani – tra cui, ma non solo: batteristi Max Roach e Louis Hayes, i sassofonisti George Coleman e un giovane Branford Marsalis, il celebre polistrumentista Sam Rivers e il trombettista Wynton Marsalis ( che si unì ai Jazz Messenger almeno in parte su suggerimento di Watson). Oltre a lavorare con una varietà di strumentisti, Watson ha svolto un ruolo di supporto per una serie di cantanti distinti e stilisticamente vari tra cui: Joe Williams, Dianne Reeves, Lou Rawls, Betty Carter e Carmen Lundy. Più tardi, in associazione con il bassista Curtis Lundy e il batterista Victor Lewis, Watson lanciò la prima edizione di Horizon, un quintetto acustico modellato in molti modi dopo i Jazz Messengers ma uno con il suo distinto tocco leggermente più moderno. Tra gli altri membri di talento del gruppo c’erano il pianista Ed Simon, il trombettista TereIl Stafford e il bassista Essiet Okon Essiet. Chiaramente, da tutti i resoconti critici, Horizon, che si esibisce ancora insieme in occasioni speciali, è ora considerato come uno dei piccoli gruppi preminenti dalla metà degli anni ’80 alla metà degli anni ’90 e persino negli anni 2000. Il gruppo ha registrato diversi titoli acclamati per le etichette discografiche Blue Note e Columbia, tra cui Post-Motown Bop (Blue Note) e Midwest Shuffle, Live! (Columbia); quest’ultimo è un compendio che ha catturato il gruppo in concerto in diverse località nel 1993.

Oltre al suo lavoro con Horizon, Watson ha anche guidato un gruppo di nove pezzi noto come High court of Swing – un tributo alla musica di Johnny Hodges – così come il grande ensemble di 16 pezzi nominato da GRAMMY Tailor Made Big Band . Lo stilista lirico è anche un membro fondatore del rispettato Quartetto di sassofoni della 29a strada, un ensemble di quattro elementi interamente in tromba. La versione classica del 1986 di Watson, Love Remains (Red), è stata a lungo riconosciuta dalla Penguin Guide to Jazz (Penguin). Dopo aver ricevuto il punteggio più alto della pubblicazione, è stato quindi identificato nella settima edizione del libro di consultazione pronto come parte della sua “collezione principale” [ad es. un “must-have”], che unisce altre voci di un certo numero di maestri di jazz di cui sopra come una registrazione che ogni appassionato di jazz dovrebbe possedere. Più recentemente Watson ha pubblicato una serie di registrazioni sull’etichetta Palmetto. Sulla scia delle sue uscite n. 1, Live & Learn (2005) e Horizon Reassembled (2006), che lo hanno riportato insieme a Lewis, Stafford, Simon e Essiet, il sassofonista pubblicato da The Heart (2008) che ne ha svelato un altro progetto in cui condivide nuovamente le luci della ribalta con il bassista Lundy. L’uscita è andata anche al numero 1 della classifica nazionale di airplay jazz e vi è rimasta per nove settimane. Per più di tre decenni Watson ha contribuito al lessico jazz moderno con una musica costantemente intelligente, sensibile e ben ponderata. Tutto sommato, Watson, il veterano di grande talento e ormai esperto, ha pubblicato circa 30 registrazioni come leader ed è apparso in oltre 100 altre registrazioni, esibendosi come co-leader o in supporto di altri musicisti affini. Non solo un esecutore, il sassofonista ha registrato più di 100 composizioni originali tra cui la musica per la colonna sonora di A Bronx Tale, che ha segnato il debutto alla regia di Robert De Niro nel 1993. Numerose composizioni di Watson sono diventate dei classici come il suo “Time Will Tell”, “In Case You Missed It” e “Wheel Within a Wheel”, ciascuno dei quali registra spesso dei titoli che vengono interpretati dai suoi colleghi musicisti sia sul palco che su altre registrazioni. Oltre alla sua abilità compositiva e performativa, Watson è ugualmente rispettato come educatore. Ancora più importante, ora ispira quelli di una generazione o più giovani di lui – trasmettendo la sua grande conoscenza. Il suo insegnamento all’interno di noti programmi e istituzioni jazz iniziò a metà degli anni ’80, quando fece parte della facoltà aggiunta e insegnò sassofono privato alla William Paterson University (1985-1986) e alla Manhattan School of Music (1996-1999).

Cinema Italia: un omaggio al grande cinema italiano e alle sue indimenticabili colonne sonore, Cinema Italia è il progetto di Rosario Giuliani, Luciano Biondini, Enzo Pietropaoli e Michele Rabbia.
L’obiettivo è quello di celebrare temi resi immortali da compositori quali Nino Rota ed Ennio Morricone per film che sono ormai entrati nell’immaginario collettivo, quali Otto e mezzo, C’era una volta in America e Nuovo Cinema Paradiso. Il progetto parte da un assunto molto semplice, e cioè che la musica, spesso, è uno strumento drammaturgico a sé, capace di narrare storie, creare paesaggi, raccontare emozioni.

L’importanza della colonna sonora, a volte, trascende quella delle immagini e delle storie e spesso i grandi registi costruiscono intorno ad essa la struttura dei propri capolavori. E i temi scelti per questo concerto ne sono la fulgida testimonianza. Quello di Cinema Italia, però, vuole anche essere un punto di vista musicale contemporaneo che, senza tradire mai le melodie originali, conferisce ai brani proposti una nuova vita. Accanto ai temi di compositori iconici, verranno presentati due originali firmati da Rosario Giuliani e Luciano Biondini (Bianco e Nero e What Is There What Is Not) che dimostrano ancora una volta la forza narrativa di questi due grandi artisti.

pensierino della sera …

Possiamo dire che il jazz è un virus, un virus di libertà, che si è diffuso sulla terra, “infettando” tutto ciò che ha trovato sulla sua strada: il cinema, la poesia, la pittura, la vita stessa.
(Steve Lacy)