La crisi idrica di questa estate e i rischi di razionamento dell’acqua sollevano il tema dell’inefficienza della rete idrica italiana. Un problema acuito quando le multiutility per i servizi ambientali hanno iniziato a guardare al profitto più che al servizio, ai dividendi dei soci più che agli investimenti. L’intervista ad Andrea Caselli, referendario dell’acqua pubblica.

ASCOLTA L’INTERVISTA AD ANDREA CASELLI:

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61