Chi ha deciso di comprare dei semi di cannabis da coltivare si sarà sicuramente fatto una serie di domande prima di procedere all’acquisto. Tra le quali, non c’è dubbio, c’è quella che riguarda il tempo necessario per veder fiorire la pianta e procedere con il primo, emozionante, raccolto.

Domanda lecita ma che non ha una risposta univoca perché il tempo di fioritura dipende anche da tutte le altre caratteristiche della pianta, caratteristiche che nel loro insieme, rappresentano la tipologia perfetta ma diversa per ogni coltivatore. 

Tutte le caratteristiche da considerare al momento dell’acquisto

Un coltivatore con un po’ di esperienza sa che esistono migliaia di tipologie di semi di marijuana sul mercato che danno vita ad altrettante tipologie di piante. Questa diversità viene dal loro codice genetico che nel tempo è stato selezionato e conservato nelle banche del seme che ne proteggono il patrimonio biologico.

La genetica dona ai semi di cannabis delle caratteristiche che si rispecchieranno poi nella pianta una volta avvenuta la fase di germinazione.

I semi, e quindi le piante, differiscono per l’aspetto estetico, la capacità di adattamento all’ambiente (che la rende più o meno adeguata una coltivazione indoor o outdoor e a certi climi piuttosto che altri) gli effetti che produce sul consumatore, e ovviamente i tempi necessari alla fioritura, fattore che discrimina semi più produttivi da quelli meno produttivi.

Tutte le caratteristiche elencate sopra sono riportate sulla confezione che contiene i semi al momento dell’acquisto, quindi, vista la grande varietà disponibile è conveniente compilare a priori una checklist di quello che si sta cercando per non rischiare di sbagliare e ritrovarsi con il tipo di pianta sbagliata, magari dopo aver speso una cifra considerevole.

Effetti desiderati

Chi cerca un effetto calmante dovrebbe prendere in considerazione semi con un’alta percentuale più cannabis sativa. Al contrario, chi cerca una pianta che possa regalare energia ed euforia dovrebbe assicurarsi che i semi che sta acquistando contengano un percentuale predominante di cannabis indica.

Modalità di coltivazione

Oltre a considerare il fattore indoor e outdoor che rispecchia le necessità del coltivatore in fatto di spazi a disposizione, è necessario considerare anche quanto segue.

Esistono due tipi di semi in relazione al tipo di coltivazione: semi fotoperiodici, semi autofiorenti.

I primi, detti anche regolari, seguono la luce del sole e il susseguirsi delle stagioni; sono sensibili all’umidità dell’aria e all’esposizione alla luce. Inoltre producono esemplari sia maschi che femmine. Richiedono una grande cura e sono quindi più indicati per un coltivatore con una certa esperienza.

I semi autofiorenti fioriscono a prescindere dal sole e le tempistiche dipendono solo dall’età della pianta. Generalmente il primo raccolto si ottiene in 8 settimane ma esistono alcune tipologie che permettono di fare la prima raccolta già dopo 30 giorni.

Poi ci sono i semi femminizzati che, come dice il nome, generano solo piante di sesso femminile (che sono le sole che producono le cime contenenti THC e CBD) e possono essere fotoperiodici o autofiorenti.

Una sottocategoria di questi ultimi sono i semi femminizzati ad alta resa detti anche femminizzati ad alto rendimento. Per alta resa si considerano raccolti che vanno dai 700gr ai 1200gr/mq.

In base a questa classificazione è evidente come per un neofita la scelta migliore è quella dei semi femminizzati autofiorenti ad alta resa: hanno bisogno di meno cure, si possono coltivare sia indoor che outdoor e non esauriscono la pazienza di chi non vede l’ora di fare il suo primo raccolto. Raccolto che, visto l’alto rendimento sarà di tutto rispetto. 

Dove acquistare

È possibile trovare tutti i tipi di semi citati sopra sul catalogo online di Semidimaria.shop.

Semidimaria.shop propone una vasta gamma di prodotti provenienti dalle migliori banche del seme al mondo: dai semi autofiorenti femminizzati ai femminizzati ad alta resa.
Inoltre per qualsiasi dubbio riguardante i prodotti o richieste specifiche sull’ordine, dispongono di un servizio clienti sempre disponibile.

È possibile usufruire della spedizione gratuita sopra un minimo di spesa e generalmente l’ordine viene consegnato entro 24/48.

Sono accettati pagamenti tramite PostePay, bonifico e con contrassegno.

Si ricorda che vendere e acquistare collezione in Italia è legale. La questione della vendita dei semi è regolata dagli art. 28 e 73 del DPR 309/90, mentre, la Legge 242/2016 detta i termini per la germinazione in casa di questi semi.

Articolo precedenteLa scelta di giovedi 3 novembre sta tra la voce di Karima e il piano di O’Neal
Articolo successivoLibri per mettersi al riparo dalla repressione