Allo sciopero del vitto del personale si somma anche il problema di celle e docce gelate. Ma non è un problema di oggi: alla Dozza da sempre è così.

Tante notizie in pochi giorni hanno riportato sui giornali la situazione al carcere Dozza. Da venerdì la vecchia caldaia dell’istituto funziona a singhiozzo. Le celle, le docce, i posti di guardia non riescono a raggiungere temperature adeguate. Soffrono i detenuti. Oggi agenti e ufficiali hanno cominicato lo sciopero del vitto, per protestare contro le pessime condizioni dei locali e del servizio mensa.

Ma non è una novità: chi in carcere ci entra e ci lavora, sta a stretto contatto con i detenuti sa perfettamente che la situazione descritta a singhizzo dai media di comunicazione è una situazione continua e quotidiana.

Dalla sua costruzione la Dozza è sovraffotta, fredda e funziona male. Il riscaldamento ogni anno in inverno non funziona e quando lo fa non scalda a sufficienza tutta la struttura. D’estate la temperatura delle celle va oltre i quaranta gradi. E da quando la protesta è passata al personale della polizia si è iniziato a parlare della mensa.

Ma se le lamentele arrivano dai polizziotti carcerari sicuramente la situazione dei detenuti è più drammatica, visto che vivono e non lavorano nelle case circondariali. Il tutto, però, nell’indifferenza delle istituzioni, che non hanno mai messo al centro del dibattito pubblico la questione carceraria.

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”