Scatti d’opera: le foto di scena del Teatro Comunale di Bologna, vincitore del bando Strategia Fotografia 2020, è un progetto che si pone come obiettivo la conservazione e la digitalizzazione del fondo fotografico della fondazione lirico-sinfonica bolognese, che sarà disponibile sui siti del Teatro Comunale e del Museo della Musica.

10mila fotografie per raccontare il Teatro Comunale

La raccolta fotografica comprende oltre 70 anni di storia del Teatro Comunale di Bologna, a partire dagli anni Cinquanta del secolo scorso fino al 2007: ai nostri microfoni Jenny Servino, responsabile del Museo internazionale e biblioteca della musica, ci racconta che sono circa 10mila le fotografie coinvolte nel progetto, di cui la maggior parte inedite, che riguardano spettacoli, interpreti e momenti di vita del Teatro.
Scatti d’opera è realizzato in collaborazione con il Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna e con il Centro di Ricerca per l’Interazione con le Industrie Culturali e Creative dell’Università di Bologna (CRICC).

Come spiega il Presidente di Istituzione Bologna Musei, Roberto Grandi, il progetto è diventato operativo in questi giorni e si concluderà entro dicembre; questo prevede varie fasi, tra cui la riorganizzazione, l’inventariazione, l’archiviazione, la catalogazione e digitalizzazione dell’intera raccolta fotografica. Il fondo fa parte dell’Archivio storico del Teatro Comunale, e dal 2009 è custodito presso il Museo della Musica, luogo in cui è stato dislocato l’Archivio storico del teatro e dove inoltre si tiene l’attività di catalogazione.

Il lavoro fatto su questo archivio ha consentito la scoperta di immagini che raffigurano interpreti e artisti come Luciano Pavarotti, Renata Tebaldi, Dario Fo e molti altri che si sono esibiti a Bologna Città della Musica UNESCO, immortalati da fotografi italiani come Primo Gnani, Nino Migliori, Maurizio Boscarino, Rocco Casaluci, Bepi Caroli e Michele Lapini.

Una volta concluso il progetto, il Teatro allestirà una piattaforma open-access in cui sarà possibile ricercare i documenti fotografici relativi alla produzione del Comunale negli ultimi 70 anni. Il bando vinto da Scatti d’opera, Strategia Fotografia 2020, è stato stanziato dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del MiBACT, oggi MiC.

Gemma Fabellini

ASCOLTA IL CONTRIBUTO DI ROBERTO GRANDI E JENNY SERVINO:

Articolo precedenteLibri da leggere anche oltre le 23.00
Articolo successivoLe Altre di B tornano a suon di “Sdeng”