Un richiedente asilo nigeriano è stato pestato, accoltellato e investito a Rimini da un italiano. Il ragazzo è grave. Fermato un 39enne italiano. Per gli inquirenti il movente del tentato omicidio è razziale. Gli antirazzisti: “Brutto il clima e lo stigma contro i migranti in città”. Un presidio promosso da Casa Madiba alle 18.00 sotto il Comune.

Un ragazzo nigeriano di 25 anni, richiedente asilo, è stato aggredito ieri sera a Rimini davanti a un supermercato. Ha fratture multiple, la milza spappolata e varie emorragie interne, ma ha superato la notte e ora è stabile ricoverato in terapia intensiva dell’ospedale Infermi.
Il migrante è stato prima preso a pugni, poi accoltellato e infine, mentre tentava di sfuggire al suo aggressore, è stato inseguito e investito con l’auto.

Poco dopo il fatto, l’aggressore – un 39enne nato a Roma ma residente a Rimini – è stato arrestato dagli agenti della Questura per tentato omicidio aggravato da futili motivi e da motivi razziali.
Il giovane nigeriano è arrivato in Italia, sbarcando in Sicilia, a settembre scorso, poi è stato smistato attraverso il progetto Hub (Human Ecosystems) di Bologna ed assegnato a Rimini.
Dopo l’accaduto il questore di Rimini, Maurizio Improta, sta valutando il rilascio di un permesso di soggiorno per motivi umanitari.

Per le associazioni antirazziste afferenti a Casa Madiba, l’episodio è la conseguenza del clima generatosi, in città e nel paese, con lo sdoganamento di discorsi xenofobi e la legittimazione di forze neofasciste come Forza Nuova, che organizzano ronde e raccolte fondi razziste in città. Dall’altro lato, però, è anche il razzismo istituzionale e le politiche migratorie attuali a favorire il clima.
Oggi alle 18.00 gli antirazzisti si troveranno sotto la sede del Comune di Rimini per un presidio di protesta contro quanto accaduto.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61