I dogmi neo-liberisti incarnati dal Jobs Act non hanno prodotto benefici per occupazione ed economia. Una possibile alternativa passa per la riduzione dell’orario di lavoro, di cui beneficerebbero lavoratori, imprese ed economia generale. L’intervento di Marta Fana.

ASCOLTA L’ANALISI DI MARTA FANA

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61