Alle 19 di oggi il via alla nuova stagione. L’Università tace e a fine mese scade la convenzione. Il collettivo: “Noi andiamo avanti lo stesso”.

Primo appuntamento della stagione per Bartleby, lo spazio studentesco in via San Petronio Vecchio. Questa sera alle 19.00 si aprono le danze con il concerto di “Guantanamo 5tet“, un “opening-act” che dà il via ad una stagione che proseguirà nelle giornata di mercoledì e domenica.
Almeno questo nelle intenzioni di chi gestisce i locali. Occorre verificare se l’Alma Mater consentirà al collettivo di proseguire l’esperienza o, come ha annunciato prima dell’estate, sfratterà le realtà studentesca.
A fine mese, infatti, scade la convenzione stipulata con l’Ateneo e la posizione della dirigenza universitaria è quella di non rinnovarla. O almeno questa è l’ultima versione perché, denuncia il collettivo, da allora c’è stato silenzio assoluto da parte dell’Alma Mater e non c’è stata alcuna occasione di confronto.

Bartleby, che in seguito all’annuncio aveva lanciato un appello sottoscritto da illustri figure della cultura bolognese, tra cui scrittori e docenti, spera che il silenzio sia dovuto ad un ripensamento, ma non si illude e fa sapere di essere anche disposto all’estrema soluzione: l’occupazione.

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoRevisionismo e negazionismo, quale Giornata della Memoria?