Giovedì 4 novembre suoneranno a Barezzi Festival e presto ci porteranno altre novità. Abbiamo intervistato i Radiodervish per parlare del concerto e di tanto altro.

Dal 4 al 6 novembre Parma sarà il palcoscenico del Barezzi Festival di cui vi abbiamo raccontato tanto anche con altre interviste.

Tra i protagonisti della prima giornata ci saranno anche i Radiodervish, band nata in Puglia ormai più di trent’anni fa e con uno speciale legame con Franco Battiato, a cui il festival è dedicato. Durante il concerto la band porterà sul palco alcuni pezzi propri tratti dai 9 album in studio pubblicati fino ad oggi ed alcuni pezzi del maestro Battiato reinterpretati.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante testo

Il concerto si chiama In prima luce. “In prima luce è il progetto al quale stiamo lavorando da qualche tempo, sarà un disco che racconta la nostra prima fase, quando ci chiamavamo Al Darawish, quando abbiam fatto parte di quel fermento culturale e musicale che ha dato vita a tante band.”

Michele Lobaccaro e Nabil Salameh si conoscono negli anni ’80 e formano, insieme ad altri, gli Al Darawish. La band si scioglie nel 1997 e i due musicisti formano i Radiodervish in cui entra da subito anche il tastierista Alessandro Pipino.

La loro musica fa parte dell’ambito della world music traendo influenze dalla ricchezza culturale di ogni lato del Mediterraneo. Negli anni hanno collaborato con diversi artisti internazionali e nel 2007 hanno rilasciato un album prodotto proprio da Franco Battiato chiamato L’immagine di te.

Abbiamo intervistato Michele per farci raccontare cosa succederà a Barezzi Festival e quali sono i loro progetti per il prossimo futuro.

Potete ascoltare tutta l’intervista qua:

Articolo precedenteInvestimenti razionali e solleciti per novizi
Articolo successivoGLAMORAMA – puntata del 28 Ottobre 2021 – Indie Rock