In queste puntate di The Show Must Go On abbiamo ascoltato le esibizioni live di Francesco Malaguti, Gin Gerani e Messia. Questa rubrica di Fujiko Factory è nata per dar voce ed un palcoscenico virtuale agli artisti in questo difficile periodo, in cui la musica live è, purtroppo, lontana dal pubblico.

Francesco Malaguti a The Show Must Go On

Francesco Malaguti si avvicina alla musica fin da bambino e dopo anni di studio e di produzioni musicali, arriva a firmare la colonna sonora dello spettacolo teatrale Furore, finalista alla biennale di Venezia. In estate esce il suo album “Odissea 1984”, che ha raggiunto la prima posizione nella classifica “top 100 Italia Alternative”.  Il suo vero amore è il Rock Progressivo, ma come primo genere produce musica elettronica in ogni suo sfaccettatura, dal EDM al Trip Hop. Francesco si definisce “senza vincolo di mandato”, ovvero sente di poter spaziare, da un genere all’altro senza remore. Le sue influenze vanno da Genesis a Ennio Morricone, a testimonianza della sua versatilità musicale.

ASCOLTA L’INTERVISTA A FRANCESCO MALAGUTI:

Gin Gerani a The Show Must Go On

Dopo vari tentativi, Gin Gerani, compare a Casamusica col brano “Dottor Seduttore” e, successivamente, al M.E.I con la canzone “Salvador Dalì”. Il suo primo album esce nel 2015 “Caona – vocacledo”. Nel 2017 la sua strada si interseca con quella di Filippo Maccarelli e da allora il sodalizio diventa inseparabile.

ASCOLTA L’INTERVISTA A GIN GERANI:

Messia a The Show Must Go On

Messia, pseudonimo di Alberto Pizzi è un cantante hip-hop bolognese, genere a cui si accosta all’età di 16 anni. Nel 2015 pubblica “C’è dell’altro”, EP autoprodotto che lo porterà a condividere il palco con Rancore, Ghemon e Murubutu. Durante gli anni dell’università collabora con l’associazione poetica Zoopalco e con il produttore Turo, mescolando nei suoi testi rap e poesia. Da giugno 2019 pubblica una serie di singoli prodotti da Turo, il quale lo seguirà anche nelle performance dal vivo.

ASCOLTA L’INTERVISTA A MESSIA:

Articolo precedenteIl M5S costretto a trattare con Renzi mostra un fronte compatto destinato a sgretolarsi
Articolo successivoCentenario di Rodari: è tutt’oro? Luci e ombre secondo Alberto Scanzi