È un incontro tra arte contemporanea e arte antica, che in questo modo si influenzano reciprocamente, quello della mostra “Prodigy Kid | Francesco Cavaliere – Leonardo Pivi“, a cura di Daniele Torcellini, allestita fino all’8 gennaio al MAR – Museo d’Arte della Città di Ravenna.
Cavaliere e Pivi appartegono a due generazioni diverse. Il primo è nato nel 1980, il secondo nel 1965 ed hanno percorso, e percorrono tutt’ora, strade artisticamente autonome. Tuttavia, dal 2018, collaborano alla creazione di racconti fantastici e favole contemporanee, che prendono la forma di installazioni di mosaici, sculture e oggetti, animate da azioni performative, in cui la parola e il suono ci conducono in una esplorazione della nostra e della loro immaginazione.

La mostra “Prodigy Kid”: il mosaico dialoga con altre forme artistiche

La mostra “Prodigy Kid”, allestita al primo e al secondo piano del Museo, fa parte della 7^ Biennale del Mosaico e nasce dall’idea di presentare una sperimentazione artistica attuale, intensa e originale, che vede il mosaico, in equilibrio tra passato e presente, tra ortodossia ed eterodossia, in grande rilievo e organicamente intrecciato con altre forme espressive e altri media.
La mostra è divisa in più sezioni, al percorso artistico di collaborazione tra Francesco Cavaliere e Leonardo Pivi, a cui sono dedicate le sale espositive del secondo piano, si affiancano, a partire dal primo piano, due sezioni nelle quali sono presentate, in chiave retrospettiva e sotto forma di interventi personali, opere autonome dell’uno e dell’altro. Fil rouge delle scelte è l’idea di mettere in evidenza non solo l’attività condivisa, ma anche le esperienze personali dei due, tra assonanze e dissonanze.

La mostra propone un ampio ventaglio di materiali, tecniche, linguaggi e temi e un suggestivo confronto con l’arte antica. Il dialogo con le tracce del passato, recente o remoto, componente non secondaria della poetica del fantastico dei due artisti, li ha portati, nel tempo, a confrontarsi con alcune significative testimonianze: il lascito letterario dello scrittore francese Raymond Roussel, nella prima fase del loro lavoro testimoniata in mostra dal Ciclo del Solimandante, e, successivamente, il Mosaico di Anubi, di II-IV sec., conservato al Museo della Città di Rimini e incluso nell’installazione che i due hanno dedicato al reperto archeologico, Anubis vs Baboon e interamente riproposta in mostra, comprendendo anche il mosaico riminese. L’attitudine di queste due serie di opere, trova riscontro con la più recente serie di lavori, realizzata per l’occasione della mostra ravennate, e dedicata alla leggenda del Mostro di Ravenna.

La serie Prodigy Kid, da cui l’intera mostra prende il titolo, ospita eccezionalmente un disegno di Leonardo da Vinci riconducibile ad una delle iconografie del Mostro, circolate nei primi decenni del Cinquecento; un’edizione a stampa seicentesca di un disegno acquerellato del Mostro eseguito da Ulisse Aldrovandi, pubblicata nel volume postumo, Monstrorum historia cum Paralipomenis historiæ omnium animaliume; e una selezione di opere databili al I sec. a.C. – II sec. d.C., provenienti dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli, scelte dagli artisti in collaborazione con il museo napoletano, con il fine di ampliare l’orizzonte immaginifico della loro reinvenzione della leggenda cinquecentesca, realizzando così un’installazione in cui si mescolano archeologia e arte antica, leggende e iconografie rinascimentali, memorie da video game e racconti da speculative fiction.

La mostra nasce con l’obiettivo di testimoniare una delle traiettorie che il mosaico ha imboccato, muovendo i suoi passi anche da Ravenna, nel contesto della ricerca artistica contemporanea. Il tortuoso ed eterogeneo labirinto che propone non potrà che lasciarci disorientati, ammaliati, turbati o rapiti, nella difficoltà di riconciliare emozioni contrastanti e complesse come è di consueto quando l’arte si confronta con le complessità e le contraddizioni che ci appartengono.

Ed è all’interno di questo percorso che ieri pomeriggio, 22 dicembre, si è svolta la performance di Cavaliere, intitolata “8 vènti Xilema Solari” e si è tenuta l’inaugurazione dell’installazione sonora “Vernascacadabra” di Invernomuto.
Il curatore, Daniele Torcellini, ne ha parlato ai microfoni del nostro William Piana all’interno della rubrica “InMostra”.

ASCOLTA L’INTERVISTA A DANIELE TORCELLINI:

Articolo precedenteA Capodanno torna la Marcia della Pace e dell’Accoglienza
Articolo successivoEasy Pop, puntata speciale di Natale, in onda domenica 25 Dicembre