“Ancora nelle strade la rabbia che ti assale

Chi potrà mai fermare la Mentalità

Su e giù per lo stivale valanghe di serate

È quello che ti unisce la Mentalità”

Ed è proprio la Mentalità a rendere unici i Plakkaggio, ai tempi Plakkaggio HC.

Fieri portabandiera del “New Wave Of Black Heavy Metal OI!”, un genere ostile per gli amanti delle definizioni, nei loro testi confluiscono l’amore per la loro Colleferro, il disagio della provincia, il rugby, le passioni per gli 883 e per la tradizione metal in generale, gli anni ’90, il culto di Cernunnos, la storia e l’idea di una socialità fatta di amicizia, pub, musica e battaglie sul territorio.

A fine ottobre la band ha finito di registrare il nuovo album che voci indiscrete dicono si chiamerà “Verso la Vetta” e conterrà la cover di “Angel Witch”. Per notizie certe occorrerà attenderne con trepidazione l’uscita.

Plakkaggio: la storia

Formatisi nella cittadina laziale nell’ormai lontano 2004, si fanno conoscere col demo autoprodotto Liar, sette pezzi in inglese di un tiratissimo HC anni ’90.

A questo fanno seguito tre album (Il Nemico, Fronte del Sacco e Approdo) che contengono capolavori come Granito, Leggenda o Il Valico.

Dopo circa dieci anni Alessandro, il batterista nonché uno dei membri storici del trio insieme a Gabriele e a Chris, si trasferisce.
La prima regola per militare nei Plakkaggio HC è risiedere a Colleferro ma, data la forte amicizia tra i tre, al subentro di Valerio alla batteria corrisponde l’eliminazione dell'”HC” dal nome per cristallizzare questa importante parte di percorso. 

E’ col nuovo epiteto e la neonata formazione che registrano l’EP C.D.G e l’ultimo album Ziggurath, un elaborato incredibile per viscosità e potere sonoro.
Sebbene molto distante musicalmente dai precedenti, riesce a stupire con un utilizzo particolarissimo e forbito del linguaggio e richiami a metafore legate alla Mesopotamia e al bisogno di riscatto.

Fun fact 1:  Ziggurath si conclude con un pezzo che farà sorridere la generazione nata negli anni ottanta, “I nostri anni”, la cover del quasi omonimo pezzo degli 883 con testo riveduto e corretto.

Fun fact 2: I Plakkaggio HC prima formazione hanno (o meglio avevano) un progetto parallelo chiamato 666 di cover degli 883 (sì, sempre loro!) in chiave punk/hc.

Per chi non avesse mai ascoltato nulla, tutti gli album sono disponibili in free download.

Articolo precedenteVignaioli Bologna: “Ferver”, una rassegna di vini a Zou – Zapap Officine Urbane
Articolo successivoI giochi online più diffusi del 2021