Anche al mercoledì non possiamo rinunciare a Eddy Anselmi e alla sua rubrica dedicata all’Eurovision Song Contest, e che ci parla dei partecipanti alla seconda semifinale che avrà luogo il 20 maggio all’Ahoy Arena di Rotterdam: oggi parliamo di una band e di una solista, rappresentanti di Portogallo e Bulgaria.

Eurovision Song Contest 2021: il Portogallo

Love is on my side” è il brano con cui si esibiranno i The Black Mamba, gruppo formatosi nel 2010 a Lisbona e che ruota intorno al frontman, cantante e chitarrista, Pedro Tallorda, detto Tatanka (soprannome che nel linguaggio dei nativi americani vuol dire Bisonte), il quale ha già all’attivo una carriera da solista. Altri membri della band che suona una specie di american soul sono i co-fondatori Ciro Cruz, bassista, e il batterista Miguel Casais.

Il testo della canzone che porteranno nei Paesi Bassi è una rottura con la tradizione del proprio paese all’Eurovision, poiché per la prima volta sarà interamente in inglese, e non in portoghese − era uno delle poche nazioni a esibirsi costantemente nella propria lingua madre. Nella canzone pervade un tono triste, con questa convinzione che «l’amore sia dalla sua parte», ripetuto più e più volte, prima di rendersi conto che «forse non lo è stanotte».

La band è famosa in tutto il mondo, con tre album all’attivo, e si è esibita con Lenny Kravitz, John Legend e Jamie Cullum. Si sono qualificati all’Eurovision vincendo il Festival da Canção, contest riservato agli autori di canzoni in cui si sono esibiti proprio con questo pezzo. Brano su cui gli scommettitori non prevedono grandi cose, ma secondo Anselmi potrebbero sorprendere, chissà, magari replicando l’exploit di Salvador Sobral e della sua “Amar pelos dois”, trionfatore a Kiev 2017.

Eurovision Song Contest 2021: la Bulgaria

E proprio a Kiev 2017 risulta il miglior piazzamento della nazione dei Balcani, in grado di conquistare una quantità mostruosa di punti con “Beatiful Mess” di Kristian Kostov, superati solo dall’ancor più straordinaria prestazione di Sobral, il quale vanificò la possibilità di vedere l’Eurovision a Sofia. Quest’anno però le chance sono molto alte: basti pensare che la canzone che Victoria, la rappresentante della Bulgaria, avrebbe dovuto portare lo scorso anno era la favorita per la vittoria finale insieme a “Think About Things”, di cui abbiamo trattato quando abbiamo parlato dell’Islanda.

In questa edizione Viktorija Georgieva, classe 1997, porterà “Growing Up Is Getting Old“, brano che era già stato preso in considerazione per l’anno 2020 ma che è stato alla fine superato da “Tears Getting Sober“. La decisione di tornare con questo pezzo è stata presa per far fronte all’annichilimento artistico della cantante, conseguenza a sua detta della cancellazione dell’Eurovision a cui avrebbe dovuto prendere parte.

Questa canzone è comunque fortemente candidata per superare la semifinale, sarebbe la quinta volta in tredici partecipazioni bulgare, per poi ambire alle prime posizioni nella finale del 22 maggio. Sarebbe il coronamento di una carriera che per Victoria è cominciata con la quarta edizione di The X Factor Bulgaria, la selezione da parte dell’emittente nazionale bulgara nel 2020 − che tornerà a calcare il palco della kermesse dopo la mancata presenza di Tel Aviv 2019 − dopo otto singoli pubblicati e un EP, uscito quest’anno.

Luca Meneghini

ASCOLTA LA RUBRICA DI EDDY ANSELMI:

Articolo precedenteFerrara Buskers Festival, una limited edition anti-Covid
Articolo successivoAl Testoni torna il festival di teatro per bambini e bambine