Dal burnout psico-fisico dei manager della Silicon Valley, alla precarietà dei “lavori di merda”, come li definisce David Graeber, passando per la pervasività che ci riduce a perenni consumatori, sempre più distratti e meno autonomi. Il capitalismo digitale sta modificando i nostri comportamenti e il nostro modo di pensare, trasformandoci in tossici. Il lavoro sul tema di Francesca Coin, che abbiamo raggiunto.

ASCOLTA L’INTERVISTA A FRANCESCA COIN:

Leggi l’articolo di Francesca Coin pubblicato da IlTascabile.com ed estratto da “The game unplugged”, AA. VV., a cura di Valentina Rivetti e Sebastiano Iannizzotto, © 2019 Giulio Einaudi editore s.p.a., Torino.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61