Tantissime volte abbiamo sentito dire, o pronunciato noi stessi, frasi come “vorrei stare a casa senza far niente” o ancora “che noia andare in ufficio, sarebbe bello lavorare da casa”. L’emergenza da coronavirus, che ha tenuto per oltre due mesi in casa la maggior parte della popolazione, ha probabilmente fatto cambiare idea ai più… ma c’è anche chi non si è perso d’animo e ha pianificato per bene le attività da svolgere durante l’isolamento.

Alcune in particolare sembrano essere state le più gettonate dagli italiani nelle ultime settimane, con gli amanti della palestra costretti ad allenarsi in maniera creativa tra le mura domestiche e improbabili fornai pronti ad impastare il pane in casa. Vediamo allora quali sono state le attività più praticate in Italia durante questo forzato periodo casalingo:

Sport in Casa

Mentre una buona parte della popolazione si dedicava, forse per la prima volta, al jogging tra le strade deserte delle città italiane, moltissimi altri, forse più responsabilmente, provavano i vantaggi di allenarsi in casa con qualche piccolo aiuto.

I tempi del coronavirus sono anche i tempi delle innovazioni tecnologiche, dei tutorial su You Tube, dei video su Instagram e delle moltissime applicazioni per i nostri smartphone. Fare sport in casa non è mai stato così semplice come nel 2020.

Non a caso Usa Today riporta una crescita del 600% degli streaming su YouTube, prima scelta per chi si allena da casa, scegliendo lezioni di fitness, sollevamento pesi (molto spesso casse di bottiglie d’acqua, per intenderci) danza, yoga e così via.

Oltre agli streaming, molti italiani, soprattutto i più giovani, hanno scaricato app dedicate, con la riproduzione di esercizi casalinghi da abbinare a programmi appositi, per tenere traccia del proprio allenamento e delle calorie bruciate.

Tutorial di Cucina

Un altro valido utilizzo dei canali di video streaming, così come dei social media, è stato quello di scoprire nuove ricette e portare il “made in Italy”, quello vero, in tavola.

Forse uno dei pochi aspetti positivi di questa pandemia è stato proprio quello di spingere gli italiani a cucinare di più in casa utilizzando i prodotti delle nostre aziende. Riscoprire vecchie ricette, imparare metodi di cottura che non si conoscevano e soprattutto riunire la famiglia intorno ai fornelli, sono state tra le attività più gettonate in assoluto.

Certo non sono mancati gli intoppi, come la mancanza dei pacchi di farina sugli scaffali dei supermercati e la difficile reperibilità di ingredienti chiave durante la pandemia, come il lievito per dolci e il lievito di birra. Proprio il lievito naturale, conosciuto come lievito madre, è stato ricreato in ogni possibile modo su You Tube, con risultati a dir poco catastrofici. Quello che conta però è che gli italiani non si siano arresi a portare in tavola la tradizione.

Giochi Online

Dal revival delle vecchie consolle, alle applicazioni per smartphone e tablet, fino ai giochi su Facebook, gli italiani non si sono certo risparmiati in quanto a passatempi videoludici.

Gli adolescenti si sono dedicati soprattutto ai giochi in multiplayer, quelli che, per intenderci, hanno sostituito ormai da tempo le corse di quartiere e il “guardia e ladri” che hanno caratterizzato le passate generazioni. Oggi amici e compagni di classe si ritrovano in ambienti virtuali per giocare simultaneamente, dialogando via chat o direttamente a voce tramite i microfoni istallati nei controller di gioco.

Gli adulti invece hanno preferito tipologie di giochi completamente diversi, come quelli del casinò. Slot machine, blackjack e poker, sia a soldi veri che virtuali, hanno visto un fortissimo incremento nelle ultime settimane. Complice anche il fatto di potersi intrattenere senza problemi anche dai dispositivi mobili, oggi per giocare alla roulette in tutta sicurezza, bastano davvero pochissimi clic.

Acquisti su Internet

Con la maggior parte dei negozi a serrande abbassate, moltissimi italiani hanno scoperto, forse per la prima volta, come è ormai possibile effettuare con facilità qualsiasi tipo di acquisto su internet.

Uno dei servizi più utilizzato in assoluto è stato quello della spesa online, che un’indagine del Messaggero ha definito come un vero e proprio boom: il 31% in più in Lombardia, 14,5% in Lazio, 10% in Emilia-Romagna. Senza dover uscire da casa, possiamo riempire il carrello virtuale per poi aspettare che il tutto venga recapitato, oppure andare a collezionarlo noi stessi al supermercato evitando lunghe code.

In forte crescita anche lo shopping online, tra abbigliamento, calzature e prodotti di ogni tipo a riempire i carrelli degli italiani. Molti di questi non vedono l’ora di tornare nei negozi per scegliere dal vivo la merce da comprare, mentre altri hanno scoperto la comodità di acquistare da casa e, anche a pandemia finita, potrebbero pensarci due volta prima di mettere piede in un affollato centro commerciale.