Emmanuel Bonsu è il ragazzo di origini africane che tre anni fa è stato pestato da alcuni vigili urbani del comando di Parma.

Lunedì è arrivata la sentenza del processo che vedeva da una parte il ragazzo e dall’altra gli otto vigili urbani responsabili del pestaggio: tutti condannati gli agenti, con pene che vanno da 2 a oltre 7 anni, l’interdizione dai pubblici uffici per sette di loro e il risarcimento di 135.000 euro. In realtà il Pubblico Ministero aveva chiesto 500.000 euro di danni, ma il Tribunale non ha ritenuto colpevole il Comune di Parma limitando l’esborso ai soli agenti. Abbiamo chiesto un commento alla sentenza a Alberto Marzucchi, volontario di CIAC, Centro Immigrazione Asilo Cooperazione internazionale di Parma. Qui sotto puoi ascoltare l’intervista

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”