Proprio oggi, 13 gennaio, Teatri di Vita festeggia il 30° compleanno inaugurando la stagione gennaio-aprile, intitolata “Ouroboros”. Un percorso che vedrà 14 spettacoli sui temi più disparati. A partire dall’inaugurazione di questa sera dove parteciperà il sindaco di Bologna, passando per il tema della libertà in Iran, dai grandi eventi di ArtCity ai giovani artisti.

La nuova stagione di Teatri di Vita celebra i 30 anni di attività

Il nome “Ouroboros” indica, come afferma il direttore di Teatri di Vita Stefano Casi ai nostri microfoni, «la figura mitica del serpente che si morde la coda e ha come senso il ritorno, la rinascita e rinnovamento».
La stagione inzierà mettendo in scena il sindaco di Bologna, Matteo Lepore, nell’esperimento teatrale “XYZ. Dialoghi leggeri tra inutili generazioni” (13 gennaio, ore 21.30), dove un gruppo di 11 giovani attori fra generazione y e generazione x dialogheranno con il sindaco, diventato attore per una sera.
Questo particolare format, già sperimentato in passato, continuerà ad essere riproposto, poiché «rimane su un filo sottile tra il teatro, spettacolo e divertimento – osserva Casi – ma c’è anche una affondo politico su temi importanti e attuali».

Teatri di Vita ha sempre cercato di rappresentare i temi urgenti della società e della politica. Non a caso, il 19 e 20 gennaio porterà in scena una delle grandi emergenze internazionali: la repressione in Iran. Nello spettacolo “Profumo di terra bagnata”, l’attrice iraniana Sanam Naderi «porta la voce delle donne iraniane attraverso un racconto di solitudine, disperazione e di speranza al tempo stesso», spiega il direttore artistico.

La stagione 2023 prevederà 12 spettacoli oltre a due eventi realizzati in collaborazione con Mambo e ArtCity: rispettivamente il lituano “Have a good day!” in Sala Pasolini e il tedesco “The Teacher” nella Sala Studio durante i giorni di Arte Fiera.
È possibile fare un abbonamento al costo di 69,30 euro, dove ogni centesimo rappresenta un anno di storia del teatro. Per quanto riguarda i biglietti il prezzo è bloccato: 15 euro intero, 13 ridotto, e 9 euro per gli under 30.

ASCOLTA L’INTERVISTA A STEFANO CASI:

Articolo precedenteLe ong a supporto delle donne afghane per salvarle dal freddo
Articolo successivo“A casa, bambola!”, al Teatro delle Moline in scena l’ironia sul patriarcato