Dopo lo sgombero da parte del sindaco di New York Bloomberg dello Zuccotti Park, gli attivisti di Occupy Wall Street sono riusciti a rientrare nello spazio transennato, senza però poter portare tende o anche sacchi a pelo per la notte. La testimonianza da New York della giornalista photo/video Marina Catucci

I manifestanti però non si sono arresi, forti anche di un ampio sostegno della cittadinanza, e per domani hanno organizzato una serie di iniziative in tutta la Grande Mela che andrà dall’occupazione delle stazioni della metropolitana a quella dei ponti a suon di musica.

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”