Mentre Draghi incensa le riforme strutturali del lavoro, come il Jobs Act, cominciano a vedersi gli effetti: i dati parlando della scomparsa del lavoro a tempo indeterminato, il boom di quello determinato, a chiamata e precario, rotazione di lavoratori per lo stesso posto. A rimetterci soprattutto i giovani. Gli sgravi in Finanziaria non risolveranno il problema. L’analisi di Marta Fana.

ASCOLTA L’INTERVENTO DI MARTA FANA:

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61