L’assessore Lepore dice che ci sono trattative riservate per un nuovo spazio, ma tra gli attivisti di Oz Bologna, il centro di sport urbani indoor più grande d’Europa, prevale lo sconforto. Il 5 settembre la dead line di Unipol per lasciare il capannone di via Stalingrado, ma le attrezzature finiranno nei magazzini e gli istruttori cercheranno nuovi lavori perché l’alternativa non c’è.

ASCOLTA L’INTERVISTA A CALOGERO “LILLO” PASSARELLO:

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61