La sua condanna aveva indignato il mondo della stampa e attivato anche associazioni per i diritti umani, come Amnesty International. Si era preso quattro mesi di reclusione perché la corte che lo ha giudicato non vedeva differenza tra documentare giornalisticamente un atto illecito come un’occupazione e, invece, prendervi parte attivamente.
La Cassazione ha invece annullato le condanne a carico di Davide Falcioni, giornalista di Fanpage, invitando la Corte d’Appello di Torino, con una giuria che avrà un’altra composizione, a riesaminare il caso.

No Tav: la vicenda giudiziaria

Tutto è cominciato nel 2012, quando alcuni attivisti No Tav entrarono all’interno della sede torinese di Geovalsusa, società nel consorzio dei costruttori della tratta ad ferroviaria ad Alta Velocità Torino-Lione, per un’occupazione simbolica. Falcioni aveva seguito i manifestanti e documentato il fatto per la testata per cui lavorava all’epoca, Agoravox.

Chiamato in aula come testimone, la sua posizione si è trasformata poi in quella di imputato, che ha portato poi a due gradi di giudizio. “Il dubbio che mi rimane – osserva Falcioni ai nostri microfoni – è cosa sarebbe successo se avessi testimoniato contro i No Tav”.
Sia in primo grado che in appello il giornalista è stato condannato. Una vicenda ancora più assurda per il fatto che l’accusa aveva chiesto l’assoluzione del giornalista, mentre il giudice del Tribunale di Torino ha ritenuto invece di confermare la condanna di primo grado.

Ieri, invece, la Cassazione ha ribaltato entrambi i precedenti verdetti ed ha annullando le condanne al giornalista. Per le motivazioni occorre attendere, ma sia Falcioni che il suo avvocato manifestano già grande soddisfazione.
“Penso che il senso di questa sentenza sia proprio quello di annullare le condanne precedenti, che erano ingiuste, quindi non dovevano essere emesse”, commenta il giornalista.

Il diritto di informazione e le “versioni ufficiali”

L’interessamento di associazioni come Amnesty International andava oltre la sola posizione del giornalista, ma riguardava l’intero diritto di informazione, che era in pericolo dopo le condanne.
In particolare, il principio che suggeriva il Tribunale di Torino con le sue due condanne era che per raccontare e informare la cittadinanza su fatti di cronaca bisognasse rivolgersi alle versioni ufficiali delle autorità, nello specifico della polizia.
“Siamo consapevoli che in casi come quello di Stefano Cucchi o del G8 di Genova, se avessimo preso per buona la versione della polizia ora non saremmo giunti alla verità”, conclude il giornalista.

ASCOLTA L’INTERVISTA A DAVIDE FALCIONI: