Francesca Morello, in arte R.Y.F., racconta il suo terzo album “Everything Burns”, un disco transfemminista contro il patriarcato. L’artista si esibirà venerdì 15 ottobre a Tank Serbatorio Culturale di via Emilio Zago 14.

Musica Transfemminista contro il patriarcato

Il terzo album di Francesca Morello, conosciuta anche come R.Y.F. (acronimo che sta per Restless Yellow Flower), è “Everything Burns”, lavoro che lei descrive come un disco transfemminista e contro il patriarcato. Uscito il 10 settembre 2021 per Bronson Recordings come terzo album dell’artista, il disco è pieno energia paragonabile ad un fuoco che brucia. Il lavoro è ricco di tematiche politiche, si parla della comunità queer, di donne, di discriminazioni, di body shaming, di tristezza ma anche di riscatto e di rabbia positiva.

Da un mix di drum machine, sintetizzatori e chitarre acustiche nascono le otto tracce che compongono il disco. Da qui “Tutto brucia” che Francesca utilizza anche per omaggiare lo spettacolo della compagnia teatrale Motus con cui ha collaborato. Questo disco nasce in un periodo fortunato della sua vita che le permette di catalizzare queste energie positive in un lavoro potente, che letteralmente arde e brucia.

Francesca racconta di come sente il «bisogno e la voglia di portare in giro questo disco» . Questo venerdì 15 ottobre R.Y.F. si esibirà a Tank Serbatoio Culturale in via Emilio Zago 14, a seguire il dj set di TRINITY che concluderà la serata.

ASCOLTA L’INTERVISTA A FRANCESCA MORELLO:

Articolo precedenteLo sguardo femminile nella sedicesima edizione di CinemAfrica
Articolo successivoIl ricordo a Steve Grossman e tanto altro: torna il Bologna Jazz Festival