Produttori, beat maker, musicisti e compositori dalle radici afro-italo-balcaniche, i So Beast, sono il duo con base nella campagna vicino a Bologna formato da Katarina (voce, tastiere, chitarre) e SLY (batteria, percussioni) che il 22 ottobre presenta LOCK D il nuovo singolo, «stress globale, scritto in Emilia Romagna durante il lockdown della primavera 2020».

I So Beast raccontano la loro Bologna, la pandemia e la musica

Scoprono la loro sintonia sulla base di improvvisazioni libere nel 2014, quando all’interno dello storico centro sociale bolognese XM24 iniziano a sperimentare col pianoforte, muovendo i primi passi verso quella che è poi diventata la loro impronta stilistica unica. Un’identità stilistica che si caratterizza di sonorità psichedeliche, pop e punk in cui la rivoluzione musicale è al primo posto.

Un impronta aggressiva che si riflette nel nome del duo, So Beast, che tuttavia nasconde una storia assai romantica e allo stesso tempo artistica e politica. Il nome infatti è un tributo ad uno dei fotoalbum di matrimonio, intitolato appunto “So Beast”, che faceva parte di una mostra collettiva dell’Accademia di Belle Arti incentrata sui racconti fotografici delle storie nascoste della quotidianità di una Bologna ormai sbiadita.

Dal 2014 i successi sono stati moltissimi, tra questi le nomine ad album dell’anno nel 2017 con il loro album d’esordio “Kira” da parte di Gianluca Polverari (Rockerilla, Radio Città Aperta) e da Dragan Vukovic (Anatomija Zvuka, Slovenia), per non parlare dei due anni intensi di tour che hanno visto i So Beast suonare in Italia, Croazia, Bosnia & Hertzegovina, Slovenia, Serbia, Austria, Repubblica Ceca, Germania, Olanda, Francia, Lussemburgo, Svizzera (So Boo Tour, Superspace Tour).

Un giro fortunato di tour che si è interrotto con la pandemia globale, cosa che non ha però interrotto il processo artistico del duo che ha tentato di smuovere la staticità della quarantena con la produzione del singolo LOCK D. Un brano dedicato alla situazione pandemica che vuole essere una risposta alla difficoltà vissuta ma allo stesso momento svelare e riflettere sul privilegio di tutti coloro che hanno potuto superare questi due anni protetti dalle mura della propria abitazione, al contrario di tutte le persone senzatetto che sono un’emergenza globale altrettanto importante.

Finalmente però la musica ha ripreso il via, e anche i So Beast sono potuti ritornare sul palco, con meno date ma con tantissima emozione. Una ripartenza entusiasta che ha portato il duo a lanciarsi in molti progetti, tra cui ovviamente la produzione del nuovo album, la cui uscita è prevista verso gennaio 2022, ma anche la partecipazione alla raccolta di remix per l’etichetta milanese La Tempesta Dischi. Torneranno inoltre nella loro Bologna il 29 ottobre per esibirsi al Làbas in occasione dei 50 anni di musica elettronica del Conservatorio Martini.

ASCOLTA L’INTERVISTA AI SO BEAST:

Articolo precedenteCrepax a 33 giri: il mondo prima di Valentina
Articolo successivoA Bologna la manifestazione per la “rivoluzione ambientale”