MUBI è una piattaforma di streaming di film d’autore, una collezione in continua evoluzione di titoli accuratamente selezionati. Pellicole di nuovi registi o di autori riconosciuti, provenienti da ogni parte del mondo. Film belli, interessanti, incredibili. Uno nuovo, ogni giorno.

Da classici di culto a capolavori moderni del cinema

MUBI è disponibile in 190 paesi e i film selezionati rispondono agli stimoli culturali e cinematografici del paese di diffusione. MUBI è la più grande comunità internazionale di cinefili, con oltre 9 milioni di abbonati in tutto il mondo. I film di MUBI sono disponibili in streaming e scaricabili in ogni momento, su qualsiasi dispositivo, senza annunci pubblicitari. 

“L’idea è nata quattordici anni fa quando il fondatore di MUBI, Efe Cakarel non si capacitava dell’impossibilità di vedere In the mood for love di Wong Kar-wai sul proprio laptop – spiega Irene Musumeci, responsabile del marketing per l’Europa -, non esistendo un modo, lo creò lui: diede vita alla prima versione di MUBI, ossia il sito The Auteurs”. 

Accedendo a mubi.com/radiocittafujiko e inserendo i propri dati si potrà iniziare il periodo di prova gratuito di un mese su MUBI. Alla scadenza del periodo, la prova si convertirà automaticamente in una normale iscrizione alla piattaforma. Sulla carta di credito non viene fatto alcun addebito fino alla scadenza del trial di 30 giorni, al quale si può recedere in qualsiasi momento. Allo scadere del periodo di prova gratuita, gli utenti che non hanno disdetto l’abbonamento verranno inseriti nel piano tariffa standard a 9.99 €/mese.

Amalia Apicella

ASCOLTA L’INTERVISTA A IRENE MUSUMECI:

Articolo precedenteLocali aperti la sera per evitare assembramenti?
Articolo successivoPer la Corte Costituzionale il solo cognome del padre è un retaggio patriarcale